domenica 10 gennaio 2016

Peluso time



A Bellaria solito modulo: Fantini-Cola dietro con Adobati e Lo Russo terzini, tornano i due baby al fianco di Capellupo, davanti Nocciolini resta confinato in fascia e Personè centrale, dall'altra parte Gadda offre una chance d'oro a Peluso. Scaramanzia a parte il Nanni è il posto perfetto per riprendere confidenza col gol. Forza Lucio.

Sul sito del Forlì la diretta twitter.

41 commenti:

  1. partita con ritmi e gioco da "viva il parroco" ... abbiamo vinto col brivido e due gollonzi e il solito arbitro indecente con l'ultima in classifica ... siamo(spero) nel momento più basso ... come condizione e idee di gioco ... abbiamo ancora quattro turni notevolissimo per racimolare più punti possibili prima del trittico ... alto Vicentino in casa correggere fuori e Parma in casa ... dove probabilmente sapremo di che morte morire ... dobbiamo tenere duro ora ... vincere soffrendo ma vincere ... tra un mese saremo in forma e tornerà il marziano.

    NOI SIAMO GENTE CHE MON MOLLA MAI ...
    MA NEANCHE UN MILLIMETRO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S.: basta con fantini!! ... e non parlo del master..

      Elimina
  2. L'assenza di Turchetta si sente eccome....manca l'imprevedibilità e la classe

    RispondiElimina
  3. Senza Turchetta siamo il 50% in meno secondo me.

    RispondiElimina
  4. Hai detto tutto te Marco, la tua analisi è condivisibile, siamo nel momento più basso e bisogna raccoglere il più possibile.
    Oggi il voto più alto va al nostro MISTER!...Una reazione così vigorosa dopo il loro pareggio non me l'aspettavo...serviva la scossa a una squadra che fino ad allora aveva si costruito ma era mancata di convinzione, cattiveria. ...troppo vuota per essere vera!
    Altra solita nota negativa....la difesa, troppa acqua come al solito, troppe disattenzioni...urge trovare una quadra, in quel reparto serve più solidità....Forza Mister!

    RispondiElimina
  5. Uhm oggi si vocifera rigore solare per il Villafranca non concesso dall'arbitro ...anche se francamente non cambiava nulla il rullo compressore Parma vinceva ugualmente!

    RispondiElimina
  6. Oggi non l'ho vista, direi che a occhio l'abbiamo sfangata...però non si può sempre e dico sempre prendere uno o più gol...qualcosa bisogna inventarsi ( mercato?)

    RispondiElimina
  7. Il 6,5 a Peluso sul Resto del Carlino mi sembra parecchio regalato vista l'impressionante serie di errori fatti e gli inutili tentativi di saltare l'uomo che fra l'altro doveva essere la sua caratteristica peculiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha fatto le pagelle il pardo sto giro, chiediamo a lui. Segnalo che conclude il giudizio a Capellupo con un criptico "Regista."

      Elimina
  8. Ma come dopo una partita? ? Allora sei in polemica ah ah ah

    RispondiElimina
  9. Scusa Fantini,non era riferito a te perché avevo visto che le pagelle questa volta non erano farina del tuo sacco!

    RispondiElimina
  10. Cari ragazzi del blog, la ferita stasera si riapre e fa proprio male. -32 punti per l'Aquila. -12 per il Santarcangelo.
    Chiudo qui subito, perché allo schifo non c'è fine.
    Buonanotte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A cosa ti riferisci? Che penalizzazioni sono?? Stanno ancora parlando dell anno scorso? Incredibile..

      Elimina
    2. Tranquillo questa è la richiesta ma tra dire e il fare c'è di mezzo la cricca che sicuramente darà una minima se non nulla penalizzazione

      Elimina
  11. Grazie Giovanni...lo stomaco si contorce, il fegato si ingrossa, il cuore pompa in gola..altro che ferita è carne viva!!!....MALEDETTI.

    RispondiElimina
  12. ragazzi che cosa vi aspettavate ... è una storia che non ci riguarda più! ... e poi questa è la richiesta ... in sede di giudizio gliene daranno di meno ... sono tutti corrotti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, hai ragione...non serve ricordarlo (soprattutto a noi del blog) ma il Santarcangelo finì a 44 punti, l'Aquila a 54 se non sbaglio. Il Forli a 43. Anche se le richieste non fossero confermate, se fossero dimezzate, c'erano altre due retrocessioni. Più Teramo e Savona. Che poi cosa avremmo fatto in questo campionato con questa situazione economica non proprio allegra, è un'altra storia.

      Elimina
  13. Tranquilli,se va come l'estate scorsa al termine dell'ultimo grado di giudizio gli daranno una pacca sulle spalle e una medaglia con su scritto:"Encomio speciale in qualità di truffatori,premio rilasciato da Tavecchio, Lotito, Mambelli " !Ho sentito un' intervista a Gravina su Vga in diretta nella trasmissione Bar Sport che ha detto che la lega pro deve tornare a 60 squadre perché c'è una norma che lo prevede e che senza una riforma non è ammissibile che il format sia stato portato a 54 squadre!Continuano a incularci a destra e manca .....!

    RispondiElimina
  14. le richieste a carico di Tesserati - Arturo Di Napoli richiesti 4 anni di squalifica e 60.000 euro di ammenda; Fulvio Pea 6 mesi di inibizione e 30.000 euro di multa; Obeng e Guidone 4 anni di squalifica; Eugenio Ascari 3 anni di squalifica e 50.000 euro di ammenda, più altri sei mesi di squalifica e 10mila euro per l'illecito aggravato; Salvatore Astarita 5 anni di squalifica e la preclusione, più altri 3 anni di squalifica e un'ammenda di 120.000 euro per illecito aggravato; Andrea Bagnoli 3 anni di squalifica e 50.000euro di ammenda, più altri sei mesi di squalifica e 10.000 euro di ammenda per illecito aggravato; Abdoulayé Baldé 3 anni di squalifica e 50.000 euro di ammenda, più altri 6 mesi di squalifica e 10.000 euro di ammenda per illecito aggravato; Felice Bellini 9 mesi di inibizione e 20.000 euro di ammenda; Gianni Califano 4 anni di inibizione e 60.000 euro di ammenda; Fabio Caserta 3 anni di squalifica e 50.000 euro di ammenda; Luca Cassese 3 anni di squalifica e 50.000 euro di ammenda; Daniele Ciardi 5 anni di squalifica e preclusione, più un anno e 6 mesi di squalifica e 160.000 euro per illecito aggravato; Antonio Ciccarone 5 anni di inibizione per l'associazione più 6 anni di inibizione e 180.000 euro di ammenda; Luigi Condò 4 anni di inibizione e 60.000 euro di ammenda; Ninni Corda 3 mesi di squalifica; Giuseppe Cosentino 6 mesi di inibizione e 30.000 euro di ammenda; Fabio Di Lauro 4 anni e 7 mesi di squalifica e 135.000 euro di ammenda; Ercole Di Nicola 6 anni e 3 mesi di inibizione più 185.000 euro di ammenda;

    .. e stiamo qui ancora a domandarci se era giusto mandare via rossi o no
    .. il campionato scorso di lega-pro era addirittura da invalidare!!

    raga ... non pensiamoci più ... è meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io infatti cerco di non pensarci più, non voglio sapere più niente

      Elimina
    2. Era meglio se non leggevo.....mi sale ancora di più il nervoso

      Elimina
  15. L'avevo sempre scritto: la vera fregatura per il Forlì non è stato il caso Savona-Teramo, ma le posizioni di L'Aquila e Santarcangelo stralciate e rimandate a processo a campionati largamente iniziati: se le sentenze su queste due società fossero state deliberate dalla giustizia sportiva in tempi celeri, come il buon senso e la giustizia avrebbero suggerito, il Forlì sarebbe in Lega Pro di diritto, e ce ne saremmo fregati altamente sia del Teramo che del Savona.

    E il fatto che la Lega Pro venga riportata a 60 squadre dal prossimo anno grida ancor più vendetta, perchè se il format non fosse cambiato neppure lo scorso anno, il Forlì sarebbe stata la PRIMA società ad essere ripescata in Lega Pro.

    Insomma, ce l'hanno messo non solo in quel posto, ma in tutti i buchi possibili: è come se fossimo stati stuprati ripetutamente da Lega, federazioni varie, giudici sportivi, ecc. che neanche le ragazze di Colonia con gli immigrati magrebini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra le altre cose, se il format venisse realmente ripristinato a 60 squadre per le ragioni dichiarate dal neo-presidente Gravina, ovvero per il fatto che "senza una riforma non è ammissibile che il format sia stato portato a 54 squadre", credo che il Forlì abbia questa volta dei margini per intentare una azione legale chiedendo il ripescaggio negatoci la scorsa estate: da quanto emerge, le basi per cui ne avremmo diritto pieno ci sarebbero tutte, sempre ovviamente che il format venga realmente riportato a 60.

      Elimina
  16. Non mescolare la cruda realtá attuale del mondo con uno sport filippo dai. Vi sostengo e avete ragione ma..non mescoliamo la realtá, fatti incresciosi con situazioni come queste. Ê sempre sport..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi sembra abbia mescolato nulla anzi ha descritto perfettamente ciò che è successo e ciò che il forli calcio potrebbe intentare ... non si capisce a cosa ti riferisci.

      Elimina
    2. Alle ragazze stuprate..tutto qui. Io l ho vista come una forzatura.

      Elimina
    3. Il paragone con le ragazze di Colonia era solo, ovviamente, una metafora allusiva per rendere al meglio l'idea in un modo più colorito: non credo si possa offendere alcuno. Io sono solito fare ampio uso di metafore ironiche sia nella scrittura che nel linguaggio parlato.

      Elimina
  17. Se Filippo si riferiva agli stupri dei magrebini sulle ragazze tedesche per fare una similitudine con gli stupri che abbiamo subito noi da lega,giudici vari,federazione,Coni e chi più ne ha più ne metta, ha pienamente ragione,bravo Filippo x una volta!Se si andrà verso il format a 60 squadre, il Forlì non potrà vedersi negato un risarcimento.....!

    RispondiElimina
  18. Anch'io questa volta sono pienamente d'accordo con Filippo, il Forlì dovrebbe chiedere i danni per il mancato ripescaggio, causa un cambio di formato, non rispettando nessuna regola e nessuna tempistica.
    Vorrei poi dire a "Parma...." cosa vuol dire mescolare, le cose devono essere regolari dovunque anche nel calcio, che razza di ragionamenti fai ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ragazzi stiamo scherzando?? Paragonare il vostro danno ad uno stupro realmente subito...dai! Va bene tutto ma..

      Elimina
  19. X RICCARDO FANTINI:scusami ma questa volta dissento dal tuo pensiero perché secondo me bisogna parlarne eccome!!!Anche la stampa deve spingere e rimarcare il grave sopruso subito dal Forlì,che nel caso si torni al format a 60 squadre DEVE ESSERE la prima delle ripescate per porre un risarcimento.Questo per non parlare del caso scommesse che, se per caso questa volta verranno confermate le condanne,grida veramente vendetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo 100%.

      Se il format torna a 60 squadre dopo un solo anno è DOVEROSO tornare alla carica per chiedere il ripescaggio che ci sarebbe spettato di diritto, oltre ai processi scandalosamente procrastinati relativi a L'Aquila e Sant'arcangelo che ci avrebbero riportato diritti in terza serie.

      Io credo che alla luce di tutto ciò, a bocce ferme le basi per una nuova e seria azione legale ci siano tutte.

      Elimina
    2. Condivido con Filippo: è il momento che l'avvocato Crocetti faccia il suo lavoro e che chieda un signor risarcimento alla lega di merda

      Elimina
  20. Magari,così per buttarla là, potresti fare un'intervista al neo presidente Gravina,ieri sera è stato molto gentile e disponibile al telefono,nella trasmissione riminese Bar Sport condotta da Beppe Indino su Vga can.192.

    RispondiElimina
  21. Bisogna dare voce a tutto questo schifo. Bisogna che il forlivese medio sappia e capisca che cosa ha subito la SUA squadra di calcio. Ci vuole una informazione chiara e diretta senza tanti giri di parole!

    RispondiElimina
  22. Parma....azzardato e magari anche inopportuno l'accostamento tra i fatti di Colonia perpetrati e lo stupro sportivo subito dal Forlì e i suoi tifosi ma rende l'idea e sottolinea l'incazzatura e il torto subito che tanto ci è costato! ...non è una tragedia ma un fatto gravissimo che nessuno vuole sminuire....bona.
    Fa ancora troppo male seguire tutta questa vicenda ma aspetto le conclusioni e poi davvero tornerei a bussare chiedendo un risarcimento e comunque sottolineando per l'ennesima volta il torto subito.
    Non fregherà un cazzo a nessuno ma a NOI si.

    RispondiElimina
  23. No no ma ribadisco, che vi capisco e che anche se non ci crederete mai siamo stati fregati pure noi, da tavecchio in primis! (la famosa storia dei 5 milioni) per cui al di la della rivalitâ che ci puó essere quest'anno in campionato, vi capisco. Diciamo che ho capito meno l'accostamento forte. Ma per il resto avete ragione da vendere. Penso che in lega pro ci sia piú marcio che in A.

    RispondiElimina

Dì la tua