giovedì 3 settembre 2015

Vergognatevi



Il Coni va a braccetto con Tavecchio: tutto regolare, comprare partite costa 6 punti l'anno successivo e cambiare le regole in corsa senza riforma è pratica ottimale. La prossima volta che sento Malagò parlare di sport pulito, perdonino le signore online, rutto e scoreggio sulla tv.
Che personaggi orrendi, che Italia.

81 commenti:

  1. Senza parole e senza aggettivi.......
    Li ho finiti tutti.....

    RispondiElimina
  2. La prossima volta che dicono che la Juve ruba e gli altri sono onesti mi metto a ridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Permettetemi una battuta, da juventino, "Moggi, santo, subito"

      Elimina
    2. Non tutte le società sono uguali alle altre, come si evince anche da questa vicenda: non si può fare di tutta un'erba un fascio dicendo 'è tutto uno schifo e tutte le squadre sono corrotte tranne il Forlì', perchè non è così.

      Elimina
    3. P.S. lasciamo perdere Moggi, per carità... uno che tramite la GEA controllava l'intero calciomercato italiano, non solo gli arbitri.

      Elimina
  3. A questi personaggi che stanno rovinando il calcio auguro tutto il male possibile....

    RispondiElimina
  4. Ora con quale spirito si ricomincia?;siamo onesti sia seri siamo e stiamo nelle regole... per me vale più della lega pro... ricomincio da qui

    RispondiElimina
  5. Domani vado a rinnovare l'abbonamento,sperando che l'aria del Morgagni mi faccia passare l'ennesima delusione...io non mollo,non posso stare senza il Forli calcio.

    RispondiElimina
  6. Stasera e sempre fanculo alla nazionale di sto paese lurido di merda!

    RispondiElimina
  7. Uno schifo Totale e una vergogna per lo sport .... Che gentaglia....

    RispondiElimina
  8. Schifo totale. Una sentenza politica per compiacere i poteri forti. Senza parole.

    RispondiElimina
  9. La delusione è tanta, certo pensare che il calcio di Lega Pro e Serie D veniva fermato a due giorni dal via era mera utopia. Calendari già fatti, arbitri designati, ecc, come pensare di sospendere tutto per almeno due settimane. IL CALCIO deve andare avanti e così anche il Collegio di Garanzia del Coni si è adeguato. Il Forli deve ripartire dalla Serie D con una nuova squadra ed una seria programmazione, facendo tesoro anche degli errori, tanti, fatti in questa ultima sciagurata stagione.

    RispondiElimina
  10. Siamo in una fogna a cielo aperto con i RATTI (Tavecchio,Mambelli, Lotito,i membri della Caf, Malago', il Coni) che sguazzano allegramente nella merda !

    RispondiElimina
  11. Perché a qualcuno interessa la nazionale di tavecchio lotito e di quella banda di malversatori?
    Io ho smesso di seguirla da un pezzo, come mi sono disamorato anche dell'inno nazionale da qualche anno...ero uno dei pochi che al palafiera non si alzava alla pantomima prima della partita...comunque non crediate....il calcio è lo specchio di tutto il resto....facciamo pena e schifo...

    RispondiElimina
  12. Forrest Gump pensava che al mondo non ci sono abbastanza sassi ,aveva ragione,e visto che noi siamo persone per bene e i sassi non li tireremmo comunque per combattere lo scoramento e la pre-depressione da delusione calcistica ho bisogno di sentirmi attivo .
    Prometto di spegnere la televisione ogni volta che ci sarà calcio.
    Prometto di non fare alcun tipo di abbonamento a sky o mediaset o qualsisia altro canale.
    L'abbonamento gradinata Forlì l'ho già in tasca , quindi ora cercherò di trovare qualcuno che metta l'ostilità calcistica almeno savona e teramo su wikipedia in modo da poter ricordare e trasmettere anche ad altri questa storia ignobile nel tempo. ( la figc si può mettere fra le formazioni ostili?)
    Ho anche altre idee ma sono ancora in essere , o forse sono solo io ad essere un pò timido

    RispondiElimina
  13. noi italiani ci meritiamo queste merde schifose.
    Il calcio rispecchia il paese.
    La figc per rinnovarsi ha scelto tavecchio che è incollato alla poltrona da 35 anni !!!!!! come in politica !! come al quirinale !!!!
    TUTTI LADRI SCHIFOSI FARABUTTI !!!!!!

    "" Voglio "" una scritta sulle maglie oppure a caratteri cubitali nel velodromo FORLI' ONESTO !!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  14. Non ho mai creduto, neanche per un singolo istante, all'utilità ed al buon esito di questi ultimi ricorsi.

    Se c'era da alzare la voce contro la vergognosa riduzione dell'organico della Lega Pro con la tassa inserita a campionato finito senza alcun preavviso, occorreva farlo subito a Giugno-Luglio con tanto di regolare domanda di ripescaggio presentata nei tempi prestabiliti... non certo arrivare a pochi giorni dall'inizio dei campionati, soltanto perchè lo avevamo già preso in quel posto dopo le sentenze sul dirty soccer su cui abbiamo fatto troppo affidamento (sbagliando).

    La riduzione dell'organico di Lega Pro fatta in questo modo è chiaramente vergognosa, contro ogni regola e buon senso, ma bisognava gridarlo e farsi sentire subito in ogni sede per vie legali... non a settembre quando i buoi erano già scappati dalla stalla.

    Poi vorrei sapere cosa c'entra la nostra nazionale italiana con tutto questo schifo: chi va in campo con la maglia azzurra non c'entra nulla con le porcherie che stanno dietro e con la politica, e le squadre nazionali con le loro competizioni sono ciò che di più bello e pulito resta nel nostro calcio malato.
    Almeno lì gioca solo chi ha la cittadinanza italiana, inglese, tedesca: non stranieri strapagati da ogni parte del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La solita manfrina!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ARRENDITI ARRENDITI ARRENDITI

      Elimina
    2. Chiamate una ambulanza per il povero biancorosso.

      Elimina
  15. E' finita come preventivato, in uno stato dove la corruzione la fa da padrona in qualsiasi segmento della società. Basta vedere cosa succede a Roma.
    Leggere poi questa mattina che l'onorevole Molea si stava interessando (onorevole del NCD il partito con più indagati in parlamento) e che vorrebbe invitare Malagò all'inaugurazione del rinnovato Morgagni, mi fa inorridire, non solo, invito tutti i tifosi a fare si, che questa gente, se per caso mettesse piede allo stadio vengano "linciati" !!! Compreso ed in primis quella figurina di Mambelli che fra l'altro ci ha bellamente presi per il culo !
    Dovremmo tutti vigilare sopratutto su Mambelli, e appena se ne vedessero le tracce, tirarlo giu e cacciarlo a calci in culo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appoggio volentieri l'iniziativa contro Malago e Molea non bisogna essere violenti o beceri basta fare un paio di striscioni per lo stadio e casomai in giro con scritto "Malago, Molea i forlivesi nn vi vogliono" e dare risalto alla cosa magari con il compiacimento di qualche giornalista..... ( capisci a me; -) ) poi magari altre iniziative similari per sputtanare sti cialtroni....una soluzione nel caso di una visita di Mambelli per non ricorrere in nulla di violento o sanzionabile con strane condanne ci sono i cari vecchi gavettoni ragazzi i sistemi goliardici e innocui c'è ne sono!

      Elimina
    2. Appoggio il gavettone !!! Ah ah ah :-)

      Elimina
  16. hanno vinto i mafiosi come sempre.
    Forza forlì ma seguire la serie D non è il massimo della vita, specie se si farà un campionato anonimo

    RispondiElimina
  17. Non cacciarlo giu ne prenderlo a calci in culo ma gli si dice serenamente che lui, malago (il vocabolario scriveva malato spero sia una premonizione....) e tutta la compagnia bella se ne stia a casa. Mi risulta che fu proprio lui ha rassicurare la società sulla lega pro tanto da far sbilanciare il presidente nelle dichiarazioni... Che venga che venga. Dovesse farlo ci organizziamo..

    RispondiElimina
  18. Federazione italiana Grandi Corrotti (Cialtroni ). speriamo in un campionato non anonimo. Forza Forli comunque è una richiesta al presidente si faccia perdonare i tanti errori allestendo una squadra competitivita. Vedrà che il pubblico non la deluderà

    RispondiElimina
  19. Appoggio volentieri l'iniziativa contro Malago e Molea non bisogna essere violenti o beceri basta fare un paio di striscioni per lo stadio e casomai in giro con scritto "Malago, Molea i forlivesi nn vi vogliono" e dare risalto alla cosa magari con il compiacimento di qualche giornalista..... ( capisci a me; -) ) poi magari altre iniziative similari per sputtanare sti cialtroni....una soluzione nel caso di una visita di Mambelli per non ricorrere in nulla di violento o sanzionabile con strane condanne ci sono i cari vecchi gavettoni ragazzi i sistemi goliardici e innocui c'è ne sono!

    RispondiElimina
  20. Sono schifato!!!!!!
    ....Lavoro per fortuna così mi passa la carogna forse!!
    L'unico pensiero buono l'ho per il Presidente. ..non molli e stia incazzato!!!!
    Noi incazzati come lei tutte le domeniche! !!!.. ...Non vedo l'ora di gridare la mia rabbia allo stadio.

    RispondiElimina
  21. Sì sì presidente non molli!
    Noi siamo tutti con lei e contro lo schifo e le ruberie!
    Ragazzi meditiamo veramente un po di iniziative pacifiche e non volgari nei confronti dei già citati cialtroni! Non mi ricordo il calendario dello scontro con il Ribelle magari fosse dicembre con quei bei climi rigidi e il Mambelli inbeccato da qualche gavettone ahahahha magari seduto di fianco a Fabbri e il nostro presidente già avvisato si presenta con una bella cerata modello palombararo e quando Mambelli verrà lavato il nostro presidente leggermente skizzato si gira e gli dice a Forlì avevano previsto acqua io mi ero preparato ahahah

    RispondiElimina
  22. ragazzi il nuovo morgagni dovrà diventare un fortino inespugnabile per qualsiasi squadra verrà ad affrontare il NOSTRO forlì e inaccessibile a tutta quella massa di infami che proveranno a metterci piede ... al campo ci penserà la squadra con il nostro sostegno (deve essere più potente degli altri anni) ... e al resto ci pensiamo noi ... ci hanno preso per il culo per un estate intera?!! ... gli dobbiamo restituire tutto con gli interessi!! ... GUAI AD ARRENDERCI!!

    RispondiElimina
  23. Se i giocatori avranno la nostra stessa rabbia covata per un'estate intera,possiamo battere chiunque. . . . . . . proviamoCi !

    RispondiElimina
  24. Sono S C O N C E R T A T O ! ! !

    RispondiElimina
  25. Dico la mia..ok la giustizia sportiva ridicola, d'accordi il Coni in combutta con la FIGC, ma non dimentichiamo che se per caso fossimo stati riammessi in LegaPro sarebbe stato un bel regalo.
    Il pres Fabbri ha ragione a lamentarsi, ma fino ad un certo punto...non può venire a parlare di 30 partite rubate, cosi come l'altro socio Castellucci che giorni fa fece un uscita ridicola mi pare sul corriere romagna dove diceva più o meno che in questi momenti verrebbe voglia di ritirare la squadra..
    Perchè questi soci, che pur dobbiamo ringraziare per l'impegno economico che danno, non fanno mea culpa e ammettono che:
    - siamo retrocessi sul campo
    - con un budget con cui alcune squadre sono andate ai play off
    - con delle cazzate tecniche di scelte giocatori incredibili (a cominciare dalla scelta del portiere, aver tenuto Fantini dietro, preso Fantoni Turi Reato Castellani, aver dato via Forte, tenuto Melandri scoglionato, ecc ecc )
    - cambiando 3 allenatori e 2 ds di cui uno nel momento topico gli abbiamo concesso la possibilità di fare esperienza sulla pelle del Forli...(no comment)
    Per cui, mea culpa fortissimo prima di tutto, poi una punta di rammarico e rabbia ci stanno, ma bona lè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bona lè cosa ? Condivido la tua analisi sugli errori commessi dalla società, sopratutto nelle valutazioni, dove si percepisce palesemente l'incompetenza sia tecnica che manageriale, ma si deve tener conto poi di tutto il resto. Se si truccano le partite, è altrettanto chiaro che, anche con tutti gli errori commessi, ci fossimo salvati, cito come esempio il rigore concesso all'Aquila, con il fallo commesso un metro abbondante fuori area. Si potrà obbiettare che anche l'arbitro può sbagliare, ma scoprire poi che i dirigenti di questa squadra, erano parte attiva nella gestione delle scommesse, fa capire che l'errore non era stato casuale.
      Se poi ci aggiungi il marciume di tutto il sistema, non solo ti viene il volta stomaco, ma fa nascere, credo in ognuno di noi anche un senso di rivolta e di rabbia.
      Anche qui voglio sottolineare un particolare. Si è avallato da parte di tutti, Compreso il CONI, la riduzione da 60 a 54 squadre in lega pro, senza una riforma, infrangendo quello che stabilisce lo statuto, per evitare di aumentare la percentuale di soldi da distribuire alle squadre, (attualmente è 1,5% la lega pro aveva chiesto il 2%.) in modo tale da non scalfire i proventi per il Sig. Lotito e compagni. Quindi, giusto per chiarezza, invece di aumentare i soldi hanno calato le squadre. Questo dimostra che fanno tutto quello che gli pare, alla faccia delle regole e della legalità, compreso il Rottamatore di Firenze !!!
      Concludendo si evince da tutto questo, sarà anche un pò patetico, che in questo paese l'onestà non paga !
      FORZA FORLI', A TESTA ALTA E TUTTI INSIEME CACCIAMO I MERCANTI ALMENO DAL MORGAGNI !!!

      Elimina
    2. Concordo al 100%... Questa è la giusta analisi della stagione...

      Elimina
    3. D'accordo pienamente con te!!!

      Elimina
    4. Condivido entrambi i commenti, sia il punto di vista di Matteo Regoli, che la risposta di biancorosso (strano...): sono due punti di vista differenti che sintetizzano la stagione del Forlì, da una parte condizionata da una società di dilettanti che ha commesso errori a ripetizione, e dall'altra da una serie di torti arbitrali, legali, giuridici che hanno affossato il nostro futuro.

      Entrambi i punti di vista sono conciliabili, non si autoescludono l'uno con l'altro: rappresentano tutti e due le cause complete del fallimento di questa stagione, la più importante degli ultimi 30 anni (e forse in futuro purtroppo lo diventerà anche degli ultimi 40 anni).

      Elimina
    5. io invece non condivido quello che dice Filippo, primo perché,come già detto condivido l'analisi di Regoli, non condivido solo il "bona lè" che secondo me vuol dire chiudiamola qui, mentre invece bisogna parlarne, secondo Filippo si scorda di segnalare che in quella società che lui definisce "di dilettanti" c'erano anche i suoi amici, quel buono a nulla di Rossi e quel Rampante con la lamborghini che ci ha portato nel fosso, terzo la chiosa finale che è solo demagogia. Filippo ARRENDITI !!!!!!!!!!!!

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Biancorosso, sveglia: la guerra è finita da un pezzo, perché i miei due amici come li chiami tu, sono già stati fatti fuori da mesi... la retrocessione non è certo causa loro, ma del tuo amico presidente Fabbri.

      Elimina
  26. Il calcio è morto.
    Ne danno il triste annuncio tutti gli sportivi leali, onesti e tutti gli appassionati, giovani e nn più giovani , che hanno creduto nella sua pronta e duratura guarigione.
    Invece dopo un estate di lenta e lunga agonia, si è spento definitivamente a Roma, all interno del CONI, unico luminare che ancora avrebbe potuto salvarlo.......
    Così non è stato e il povero vecchio calcio ci ha lasciato per sempre, ucciso da sentenze agghiaccianti, richieste di vere e proprie tangenti a fondo perduto dai grandi e potenti ciarlatani che governano questo sport, sdoganamento e depenalizzazione degli illeciti sportivi accertati e conclamati, scommesse su partite truccate, campionati falsati, presidenti collaboratori di giustizia che ammettono di aver influito sugli esiti di una partita, consiglieri federali che negherebbero il diritto ad una vittoria sportiva( vedi Carpi e Frosinone) solo perchè piccole realtà che non hanno appeal......Questo vecchio e malandato calcio non c'è l ha fatta!!!! E purtroppo ci ha lasciato per sempre.....
    Solo ieri ero su un campo dove giovani e promettenti calciatori, l unica linfa vitale di questo bellissimo gioco, sudavano e correvano per alimentare il proprio sogno e tener in vita una piccola fiammella di questo sport gravemente malato ed oggi mi ritrovo gli stessi ragazzi che mi guardano con gli occhi pieni di incredulità e mi chiedono:" è un brutto sogno, vero? Dimmi che non è morto davvero?"
    Li ho guardati con l affetto di un genitore verso il proprio figlio, li ho consolati......
    Purtroppo il CALCIO non c'è l ha fatta.........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti Gianluca ottimo scritto che ne dite se lo pubblichiamo su Facebook? Poi magari paghiamo una pagina di giornale e la pubblichiamo pure li?

      Elimina
    2. Questa è una lettera scritta a quattro mani che è stata inviata alle redazioni dei principali giornali italiani. Può darsi che come al solito venga ignorata

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  27. Gianluca pubblicala anche su Facebook ... Che la condividiamo

    RispondiElimina
  28. Oltre ai danni diretti ed indiretti che hanno causato alla nostra amata società, la cosa più dolorosa, infame e triste sono le ripercussioni su tutto il settore giovanile. Quest'anno il Forlì ha investito denaro ed energie a profusione, inserendo nello staff seri e preparati professionisti in modo da coltivare come si deve i giovani che rappresentano la vera linfa vitale di realtà sportive piccole ma serie come la nostra. Purtroppo tutto è crollato come un castello di sabbia nella balia delle onde della risacca. Vi porto l'esempio degli Allievi '99 e dei Giovanissimi 2001 che, se le cose avessero seguito un filo onesto e legale, avrebbero dovuto partecipate ai campionati nazionali di categoria. Invece questi ragazzi si trovano inseriti nei campionatuccoli provinciali come l'ultima delle squadre dilettanti. Mio figlio è un giocatore degli allievi '99. Non sapevo come fare per consolarlo quando lui con gli occhi pieni di lacrime di delusione e rabbia mi ha chiesto :"perche? Perché?..." il resto è cronaca...

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  32. hai proprio ragione gianluca ... a parte la passione dei giovanissimi ... è tutto finito.

    RispondiElimina
  33. Complimenti Gianluca per l'iniziativa se posso permettermi di sapere a quali giornali hai mandato la lettera?

    RispondiElimina
  34. Dichiarazione del presidente Fabbri sul Carlino di oggi nell'intervista concessa a Riccardo, che all'incirca recita nel modo seguente:

    "Più che il Teramo e il Savona, a darmi più fastidio sono stati L'Aquila e il Santarcangelo... l'hanno passata completamente liscia nonostante abbiano truccato mezzo campionato, il diesse del L'Aquila ha taroccato decine di partite, ecc...."

    Mi fa piacere che il presidente la pensi come me: alcuni giorni fa scrissi in un commento che il vero scandalo non era la gara Savona-Teramo, ma il fatto che L'Aquila e Santarcangelo siano state stralciate dalle inchieste come se nulla fosse. Il diesse del L'Aquila ha taroccato mezzo campionato, eppure L'Aquila non è stata neppure sfiorata.

    Alcuni non hanno condiviso questo mio giudizio... sono quindi contento che Fabbri oggi l'abbia rimarcato.

    RispondiElimina
  35. Domenica non andro a Verona. Qualcuno da se c e diretta radio su san marino?? O altre forme di collegamenti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a tutti..... Purtroppo domenica niente diretta su Radio San Marino.... La trasmissione avrà inizio domenica 13..... Ciao ciao e sempre FORZA FORLÌ!

      Elimina
  36. Il presidente Fabbri avrebbe dovuto sapere, semmai doveva pensarci ad erudirlo Crocetti, che il ns amato Pres Tavecchio aveva spiegato, dopo incontro con Palazzi, che stante la ristrettezza dei tempi che non consentivano la celebrazione di tutti i processi prima dell'inizio della stagione, la Figc aveva deciso di dividere il tutto tra responsabilita diretta (con rischio retrocessione) da celebrarsi subito e gli altri con responsabilita oggettiva da tenersi durante la stagione prossima, con eventuali sanzioni da scontarsi nel campionato 2015/16. Inutile e patetico attaccarsi ora a cose che tutti sapevano. Il Santarcangelo e l'Aquila, ma io aggiungerei anche Pistoiese, Tuttocuoio, Ascoli, Gubbio, ecc vedranno i loro processi nell' autunno, cosi almeno si dice. Poi uno giustamente obietta che un punto avrebbe potuto fare la differenza nell'ultima classifica, il problema nasce che gli spareggi salvezza si erano già tenuti e la stagione agonistica già conclusa, per ui non vi erano alternative a questo modus operandi. Detto questo vorrei altresi ringraziare il Presidente per la passione, l'impegno, i soldi che ha messo e metterà in questa sua avventura alla guida del Forli, ricordandogli però che la retrocessione del Forli non è figlia delle partite taroccate o comprate da altri, bensì da errori, sfortuna, ecc che nel girone di ritorno sono stati dispensati a 360 gradi. Come dimenticare due allenatori, due direttori sportivi, un direttore generale, cambiati in una squadra che prima che Fabbri assumesse la presidenza era abbondantemente salva. Si è voluto rottamare tante cose, come quello "fiorentino", ma i conti in Italia come a Forli non tornano. Poi è chiaro che il calcio è malato, ma in un paese dove tutto o quasi funziona male, poteva andare bene proprio il pallone!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovo piuttosto d'accordo: cioè, al di là dello schifo, al di là di un modo di amministrare la giustizia in un modo così patetico ( e probabilmente corrotto) vogliamo tornare indietro per un attimo al 30 maggio? Dove eravamo alle 5 del pomeriggio del 30 maggio? In serie D. Punto e basta. Se non partiamo di qui mistifichiamo tutto. E quanti punti abbiamo fatto nelle 4 partite decisive contro San Marino, Savona e Piacenza? 2 punti. Senza nulla di clamoroso da recriminare dal punto di vista delle scelte arbitrali. Quindi con tutto il rispetto anche per i giovanissimi e gli allievi che giocheranno campionati di scarso valore, ma il Forlì a maggio è retrocesso. Poi, è vero, c'è stata l'estate in mezzo e tutto il resto, e con il resto 15 giorni di Lega Pro ma - e l' abbiamo già detto centinaia di volte - con due punti di più oggi si sarebbero fatti COMUNQUE altri discorsi. Io non nego lo schifo, non nego la giusta indignazione, non faccio finta di non vedere il marcio ma il calcio finirà solo quando nessun bambino riprenderà in mano la palla per giocare con i suoi amici. È lì il gioco del calcio. Non certo da Tavecchio e Lotito.
      E a me nessuno potrà portarmelo via, perché ancora oggi che ho più di 50 anni, qualche volta coi miei amici, con figli e nipoti nel campetto si fanno ancora le porte con le felpe una sull' altra e si gioca a pallone. È ancora lì il calcio. Vero. Forza Presidente, e forza Forlì, sempre.

      Elimina
    2. Concordo con Gufo e Giovanni

      Elimina
  37. Pochi minuti fa è andato in onda un lungo e dettagliato servizio sul Forlì nel telegiornale regionale di Rai 3.Sono state descritte in modo dettagliato le vicissitudini di tutta questa estate fino al responso del Coni di ieri e sono state rimarcare le ingiustizie che la nostra squadra ha dovuto subire.Almeno un velo è stato sollevato e si comincia a parlare di questa vicenda allucinante !

    RispondiElimina
  38. allora cari gufo e giovanni ... il presidente fabbri non campa certamente scuse sulla retrocessione avvenuta attraverso il campo e sulla difficile gestione della società-allenatori-squadra (questa dovuta a un pò di inesperienza e magari l'ascolto di qualche consiglio sbagliato) ... però è chiaro che se accedi ai play-out per uno/due punti di differenza e impari successivamente che il campionato è stato in gran parte taroccato ti può venire il dubbio che al tuo posto ci potesse essere qualcun altro ... o no???? ..
    per quanto riguarda invece la giustizia sportiva italiana stendiamo un velo pietoso ... perchè se una procura come quella di catanzaro denuncia tramite intercettazioni telefoniche migliaia di pagine ove si riscontrano ogni tipo corruzione frodi combine e scommesse su partite truccate si sente dire da quell'infame di tavecchio e la sua banda (compresi il primo ministro e il presidente di questo assurdo paese) che c'è una ristrettezza di tempi siamo davanti al teatro dell'assurdo ... perchè in qualsiasi altro stato emancipato i campionati non partono prima che non si sia pulito tutto il marcio che è stato creato ... qui non si parla più di democrazia ma di un'autentica anarchia al potere.
    vomito

    RispondiElimina
  39. Marco, non l'ho mai negato. E tu hai ragione al 1000%. Volevo solo ricordare da dove siamo partiti. Tutto qui. E che il calcio non me lo porterà via quel porco di Tavecchio.

    RispondiElimina
  40. Permettetemi una divagazione. Mi riferisco alla retrocessione in serie D della Torres, società a cui mi legano legami affettivi di famiglia. In prima istanza Lega Pro con meno 2, poi, incredibilmente, serie D con lunga squalifica al Presidente. Per la serie, vedi festa Forli, aspettare sempre i ricorsi. Ebbene la Torres scompare dal professionismo a causa di una telefonata tra il Di Nicola ed il Presidente dalla quale si evince, per la Procura, l'accordo per una sconfitta con largo punteggio per una gara di Coppa Italia (!!!!!) Con il Pisa. Premesso che giocavano tutti i giovani ed i giornali da giorni riferivano ciò,poiché la Coppa non interessava, senza nemmeno ascoltare uno, dico uno, calciatore si retrocede la squadra. Io dico ma un incontro non si altera con il consenso indispensabile dei calciatori? Faccenda misteriosa che ripropone, semmai ce ne fosse bisogno, come la giustizia sportiva sia a volte difficile da capire e comprendere. Per condannare dicono basta la " ragionevole certezza" ma vivaddio i calciatori che facciamo neanche li ascoltiamo!!!!

    RispondiElimina
  41. Porco è un complimento....Tavecchio uno schifo di persona messo al potere, corrotto da gente corrotta.
    E la cosa che più mi schifa e mi indigna è sapere che gravitava al vertice della lega dilettanti!!!

    RispondiElimina
  42. Da A.V. ideatore della mail da me precedentemente pubblicata:
    "Ti volevo ringraziare x aver pubblicato la lettera e tramite te volevo ringraziare tutti coloro che l hanno apprezzata e condivisa....ho letto il blog......ce n è x tutti i gusti e mi diverto molto a leggere i commenti......in realtà c è poco da dire.....lo sport deve essere carico di elementi positivi e d esempio x le giovani generazioni. Siamo stati azzerati dall ente, vedi CONI, che dovrebbe rappresentare il massimo organismo a tutela di valori come integrità, lealtà,onore, rispetto del prossimo e delle regole.....tutte cazzate!
    Sono amareggiato oltremodo......mi hanno tolto pure la voglia di vedere mio figlio rincorrere pallone ed avversari......se posti anche questo, aggiungo un appello al presidente Fabbri :
    Presidente,
    Tutto questo non può passare in silenzio....non servono più battaglie legali, avvocati, processi e ricorsi.....il mondo oggi è comunicazione....e se vogliamo far saper cosa hanno fatto ad una delle poche società oneste , la nostra, occorre studiare qualcosa di veramente mediatico...qualcosa che non si disperda col tempo...qualcosa che rimane scolpito nel immaginario collettivo.....la protesta deve essere protratta a lungo e deve essere qualcosa che fa parlare tutti....mi viene in mente di giocare tutto l anno con il lutto al braccio, o di sostituire la classica scritta di sponsorizzazione sulle maglie con una frase bella carica di denuncia contro il palazzo dei corrotti e dei mafiosi che hanno ammazzato questo sport.
    Suggerisco # HANNO UCCISO IL CALCIO#
    Fra un po' tutto sarà dimenticato e dell estate più sporca della gloriosa storia di questo sport( calciopoli in confronto è sembrata una commedia con Banfi e la Fenech!) non vi rimarrà memoria se non nei tifosi biancorossi.....
    Presidente........
    Agire per non far dimenticare!
    Lancio un forum tra tutti gli utenti: cerchiamo di pensare a qualcosa di veramente forte a livello d impatto mediatico, qualcosa di cui non si possa non parlare....non servirà più al nostro Forlì x avere giustizia, ma speriamo di lasciare qualche speranza ad altre realtà sportive....tutto ciò perché, se qualcuno non avesse ancora capito, l estate 2015 non è che l inizio ....."

    RispondiElimina
  43. Da A.V. ideatore della mail da me precedentemente pubblicata:
    "Ti volevo ringraziare x aver pubblicato la lettera e tramite te volevo ringraziare tutti coloro che l hanno apprezzata e condivisa....ho letto il blog......ce n è x tutti i gusti e mi diverto molto a leggere i commenti......in realtà c è poco da dire.....lo sport deve essere carico di elementi positivi e d esempio x le giovani generazioni. Siamo stati azzerati dall ente, vedi CONI, che dovrebbe rappresentare il massimo organismo a tutela di valori come integrità, lealtà,onore, rispetto del prossimo e delle regole.....tutte cazzate!
    Sono amareggiato oltremodo......mi hanno tolto pure la voglia di vedere mio figlio rincorrere pallone ed avversari......se posti anche questo, aggiungo un appello al presidente Fabbri :
    Presidente,
    Tutto questo non può passare in silenzio....non servono più battaglie legali, avvocati, processi e ricorsi.....il mondo oggi è comunicazione....e se vogliamo far saper cosa hanno fatto ad una delle poche società oneste , la nostra, occorre studiare qualcosa di veramente mediatico...qualcosa che non si disperda col tempo...qualcosa che rimane scolpito nel immaginario collettivo.....la protesta deve essere protratta a lungo e deve essere qualcosa che fa parlare tutti....mi viene in mente di giocare tutto l anno con il lutto al braccio, o di sostituire la classica scritta di sponsorizzazione sulle maglie con una frase bella carica di denuncia contro il palazzo dei corrotti e dei mafiosi che hanno ammazzato questo sport.
    Suggerisco # HANNO UCCISO IL CALCIO#
    Fra un po' tutto sarà dimenticato e dell estate più sporca della gloriosa storia di questo sport( calciopoli in confronto è sembrata una commedia con Banfi e la Fenech!) non vi rimarrà memoria se non nei tifosi biancorossi.....
    Presidente........
    Agire per non far dimenticare!
    Lancio un forum tra tutti gli utenti: cerchiamo di pensare a qualcosa di veramente forte a livello d impatto mediatico, qualcosa di cui non si possa non parlare....non servirà più al nostro Forlì x avere giustizia, ma speriamo di lasciare qualche speranza ad altre realtà sportive....tutto ciò perché, se qualcuno non avesse ancora capito, l estate 2015 non è che l inizio ....."

    RispondiElimina
  44. Beh sicuramente l'idea di giocare con il lutto al braccio e mettere sulla maglia la scritta #il calcio è morto o anche #i valori dello sport sono morti oppure ogni domenica avere un hastag sempre nuovo sulla maglia secondo me sarebbero iniziative che presto farebbero fare da qualche giornalista una capatina al Morgagni e allora alla prima intervista dargli giù con tutta la storia e i fatti clou! Portare agli occhi e alle orecchie di tutti sto marciume.....come è stato fatto nel basket ottimamente per quell'altro marciume

    RispondiElimina
  45. Non lo permetteranno mai...scritte sulla maglia tantomeno il lutto al braccio.
    Scusate, è solo la mia opinione.
    Secondo me o si ingoia il rospo e si riparte oppure avremo vita dura anche in serie D.
    So che è dura da digerire, ho passato un'estate di merda ma ora basta.
    Ieri ho rinnovato l'abbonamento e da domani seguo la squadra. ...siamo puliti??? bene ne vado orgoglioso, non lo urlo a nessuno.

    RispondiElimina
  46. Non so se riesco a non andare... Chi va??

    RispondiElimina
  47. Ieri sera ero in un Ristorante del centro con la mia famigliola (dove nonostante una presenza apparsa ho mangiato molto bene) e appare una figura che abbiamo recentemente nominato (figura politica )e si siede con una avvenente bionda e un altra persona tutta in giacca ben vestita e un po il mio orecchio e un po qualche altro orecchio abbiamo sentito che il discorso molto parlato era proprio il nostro amato Forlì e veniva anche menzionato un vice presidente di lega......chissà chi......indovinate voi....però più di tanto non ho captato ma mi è bastato farmi un idea che l'argomento è più caldo che mai e forse qualcosa non ha girato proprio come doveva.....

    RispondiElimina
  48. che ne dite di inventare un coretto breve e conciso facile per tutti da intonare all inizio di ogni partita come rito o consuetudine.. che tuoni che spacchi

    RispondiElimina
  49. Della Lega Pro mediaticamente non frega nulla a nessuno: se fosse accaduto uno scandalo del genere in A o in B sarebbe diventato un caso nazionale, e allora col piffero che tutte le società (tranne il Teramo che la bastonata l'ha presa) l'avrebbero fatta franca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Filippo ARRENDITI ARRENDITI ARRENDITI !!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Ma io dico, seriamente, ci fai o ci sei...?

      A volte mi viene il dubbio che dietro il tuo nick si nasconda un ragazzino delle medie... tu sei proprio fuso, anzi lessato.

      P.S. può darsi che mi arrenda alla serie D, a questo calcio che fa sempre più ridere, alla mediocrità di un eventuale campionato anonimo: ma stai sereno che a te ed alle tue provocazioni da bulletto schizofrenico non mi arrenderò MAI.

      Elimina

Dì la tua