martedì 1 settembre 2015

Quando rivediamo chi



Pubblicati i calendari della serie D, noi siamo nel girone D che almeno ci  mette di fronte ad una serie stimolantissima di avversari.

1° giornata questa domenica a Villafranca Veronese. Chi va merita una stella sul petto.
2° giornata, prima in casa domenica 13 col Bellaria.
4° giornata arriva Eva al Morgagni. Tributo (ma nel frattempo è diventato amico di Bazzani, chieda scusa pubblicamente, anche qui sul blog va bene).
9° giornata, 18 ottobre, andiamo al Tardini Beppe. A casa del Micio.
10° giornata trasferta comoda a Martorano, a trovare Rossi.
11° giornata rivediamo Poletti e l'Airone sul prato del Morgagni, forse, se sta bene. E ci tocca pure Mambelli.
14° giornata, 15 novembre, a Imola facciamo lo scherzetto ad Attila e Mordo.  
16° giornata, 29 novembre, Benelli arriviamo. E lì bisogna andare tutti.

Non è il massimo, lo so, ma è quel che passa in convento.

44 commenti:

  1. Il mercato di lega pro si è concluso e per quanto ne so io ci sono diversi giocatori interessanti a spasso....sono sincero speravo di tornare fra i pro ma sapendo di essere una società pulita mi accontento della D......sono anche ormai rasserenato che il nostro girone ha già il nome di chi vince prima di iniziare e probabilmente sarei anche già certo di almeno delle prime tre squadre e purtroppo nn vedo il mio amato Forlì....pazienza.....ora chiedo e spero solo in 4 innesti "ignoranti" nella rosa ......chiedo che la società il mister e tutto lo staff carichi ogni domenica i ragazzi come se nn ci fosse un domani voglio una squadra che anche se esce sconfitta dal risultato possa uscire fra gli applausi di noi tifosi perché abbiamo sempre visto l'impegno e l'attaccamento al nostro amato Galletto.....carica ragazzi e forza FURLÈ sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie master.....A qualcuno piaceva l'odore del napalm a me invece mi piacerebbe sentire su qualche campo o in casa con qualche squadra il caro vecchio STOCK! Ahhhh l'amato rumore del parastinco per far capire che siamo qui a vendere cara la pelle e che la gamba non la tireremo mai indietro.....
      A parte queste cose importanti ora che sappiamo tutto che aspettiamo ad andare a mangiare la pizza?

      Elimina
    2. aspettiamo giovedi :-)

      Elimina
    3. Ancora un pizzico di speranza infondi.....:-)

      Elimina
  2. Ma la rosa del Forlì da chi è composta?

    RispondiElimina
  3. Nn sei mai venuto a vedere nessuna amichevole? Se si quelli che hai visto tranne tommaso Arrigoni e penso che al momento sia rimasto Turchetta

    RispondiElimina
  4. Campionato con un vincitore già scritto, il super-blasonato Parma del Micio.
    I ripescaggi non ci saranno più così come già accaduto quest'anno, quindi anche eventuali Play-Off conteranno zero.

    Peggio di così non poteva andare... Non so con che spirito un tifoso potrà assistere ad una stagione sapendo già che è impossibile lottare per la promozione: da parte mia verrò allo stadio finchè il distacco dalla capolista resterà entro un ragionevole range (5-6 punti), dopodichè tanti saluti madama la marchesa.

    Ringrazio il presidente Fabbri prima per averci fatto retrocedere contribuendo all'esonero di Rossi, poi per non avere presentato domanda di ripescaggio, infine per avere organizzato una festa-promozione a processo in corso.

    Un ultimo consiglio presidente: se proprio di soldi in cassa ce ne sono pochi, risparmi il denaro per cause già perse in partenza (come quella per la Lega Pro a 60 squadre che forse aveva un senso a Luglio, non certo a 4 giorni dall'inizio del campionato...), e soprattutto risparmi soldi in questa stagione quando basterà salvarci dato che di promozione non se ne parlerà di certo.

    Cerchi, se può, di programmare una squadra davvero forte per la stagione 2016-2017: quest'anno è meglio tirare la cinghia e risparmiare, che tanto non ci sarà trippa per gatti.

    RispondiElimina
  5. Ma scuate con che spirito si può affrontare un campionato con la consapevolezza di quello che è successo??? Come si può seguire ancora il calcio dopo una estate così??? Dove la giustizia non conta un emerito cazzo???
    Boh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un interrogativo lecito, Alessandro. Che però ha una risposta altrettanto semplice: puoi farne a meno? Se sì, per quanto?

      Elimina
    2. Alessandro hai ragione magari dico una gran cazzata perché non ti conosco ma allora dovresti nn guardare nemmeno le partite al bar o se hai sky o premium in casa e nemmeno comprare un giornale sportivo perché sono tutti coinvolti.....siccome nn posso fare lo jahidista del calcio italiano e poter uccidere tutti i maiali che ci gravitano e che lo maneggiano mi cerco di far passare la rabbia sostenendo la mia squadra almeno con l'orgoglio di essere puliti e diversi....ma di certo il mio interesse nn si espande al di fuori delle mie amate mura cittadine e non come tanti coglioni che ancora si avvelenato se i blasonati team di serie A nn vincono o se i loro giocatori fanno cagare

      Elimina
    3. Io non ho sky perché del Forlì non parla mai, non compro la gazzetta perché del forli non scrivono mai. Ma ho detto basta. Riccardo voglio provarci a staccarmi da questa merda, non riesco a pensare che in questo paese la parola giustizia, in tutti i suoi ambiti, faccia cagare. È assurdo. Beh se il loro obiettivo era far allontanare la gente dagli stadi, con me ci sono riusciti.
      A malincuore lascio tutto e tutti.

      Elimina
    4. Alessandro io ammiro la tua determinazione però almeno sapere che non nn siamo così dovrebbe farti sentire più legato alla squadra.....hai ragione qua nn funziona ormai più nulla in questo paese ma allora rimane poi solo la rivoluzione.....

      Elimina
  6. Pensate se fossimo stati riammessi in "C"sarebbe bastato qualche rinforzo pergiocarsi la salvezza,d'altronde l'abbiamo visto l'anno scorso qual'è il livello della lega pro......pur disputando un campionato molto mediocre (l'apice è stato raggiunto con la gestione Vanigli....) si è rischiato di salvarsi senza passare dai play out,sarebbe bastato vincere a San Marino oppure in casa contro il Savona!È più difficile vincere ilcampionato di serie D che salvarsi in lega pro, se poi ci mettiamo il Parma beh si fa quasi impossibile!Non chiamiamola pero' sfortuna,l'anno scorso abbiamo buttato al vento la salvezza e la colpa è solo nostra !!!la sfortuna lasciamola ai "tristi"

    RispondiElimina
  7. L'ufficializzazione di questo girone decreta la fine di un ciclo che tutti noi del blog conosciamo bene...dalla terza categoria alla terza serie in appena 7 anni. Ora dopo questo campionato in cui tutto quello che poteva andare storto effettivamente lo ha fatto bisogna raccogliere i cocci e vedere di costruire qualcosa ma non per vincere questo anno. Mi sembra quanto meno improbabile. Parma ha 9000 abbonati e le partite trasmesse da sky. Di serie C, a meno di sconvolgimenti terracquei, si potrà riparlarne solo tra due, tre, quattro anni. Cosa può significare molto concretamente è la vera domanda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Parma ha 9.000 abbonati la cui maggior parte hanno speso 25,00€ (dicasi venticinque!!!) e poi se hanno SKY sarà più bello farlo perdere, eventualmente fosse definitivamente Serie D.
      Saluti.

      Elimina
  8. ...anzi, in appena 6 anni, non 7.

    RispondiElimina
  9. alessandro comprendo assolutamente il tuo stato emotivo ... è quello che abbiamo avuto un pò tutti (ma non tutti) dopo la sentenza d'appello e dopo tutto quello che ci aspettavamo (aquila e santarcangelo) ... ammiro la tua schiettezza invece delle solite manfrine che si sentono all'infinito senza nemmeno avere la decenza di smettere ... e mi associo al discorso di 619gar ... in questo momento si dovrebbe sentire di più il senso di appartenenza ... di una squadra pulita in regola e con un presidente che sta facendo di tutto per mantenere in vita questa società e che non lascia nulla di intentato ... la storia di questa squadra è sempre oscillata tra la serie C e la serie D e mi ricordo che da adolescente negli anni '70 ammiravo lo stadio sempre pieno e la passione dei tifosi al di là della categoria ... probabilmente perchè forse il calcio era un pò più pulito e non c'era tutta quest'inutile tecnologia che ci distrae o addirittura ci allontana dalla vera passione ... e cioè quella di andare allo stadio a sostenere la propria squadra del cuore ... al di là di tutto e di tutti.

    RispondiElimina
  10. Zero voglia,zero entusiasmo D ripartire dai campetti di parrocchia della serie D e di sapere che non avremo nessuna possibilità contro il Parma ma anche con altre squadre molto più forti di noi ! Da parte mia con il voltastomaco che ancora sento sarà difficile frequentare il Morgagni con assiduità, se poi non saremo neanche in lotta per il primato che senso avrà tutto ciò. . . . !

    RispondiElimina
  11. Mi associo a ciò che dice Marco, il Forlì si è sempre barcamenato fra serie D e serie C, quindi giocare in serie D non è poi chissà quale disfatta. Certo giocate in lega pro sarebbe stato meglio, purtroppo sono stati commessi una serie di errori, sopratutto dalla gestione precedente, che ci hanno fatto precipitare in questa situazione. Adesso bisogna ripartire, sperare di allestire una squadra competitiva ecc. Poi quello che succederà quest'altranno nessuno sa come andrà a finire, non vogliamo proprio sperare che questi intrallazzoni prima o poi pagheranno ???
    Mi associo a Marco anche per quanto riguarda quei soggetti che continuano a postare dei commenti ritenuti giustamente "manfrine", insomma Filippo hai stufato, arrenditi, arrenditi, arrenditi !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Biancorosso, non sei mai stato normale e pure ora prosegui col solito slogan come un disco rotto ormai da quasi un anno: ti compatisco, davvero e senza ironia.

      Personaggi come te potranno anche fare numero allo stadio, ma se non ci fossero sarebbe un bene per il calcio a Forlì.

      Elimina
  12. domani vado a comprare l'abbonamento per la gradinata e ho piacere che tutti quei personaggi che vengono allo stadio "se solo ......" oppure "quando saremo ...." mi stiano alla larga ... di puzza ne ho già sentita abbastanza l'anno scorso e quest'estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto ieri l'abbonamento in gradinata ,un piacere averti come compagno d'avventura
      Ale' Furle'

      Elimina
    2. Tutto giusto, ok, ma non credo dobbiamo incominciare a distribuire patenti di chi è biancorosso doc o meno. Tutti siamo tifosi, amiamo quei colori e vorremmo il meglio per il Forlì. Ognuno ha un suo modo di amare. Ma tutti qui sopra dal mese di maggio, da quando quella domenica Firicano disse " sono certo che il 9 maggio saremo salvi..." abbiamo dovuto ingoiare cose per quasi 4 mesi. 4 mesi. Nei quali è successo di tutto: salvezze mancate per un punto, spareggi buttati, ripescaggi annunciati ripescaggi negati, esclusioni dalla D, riammissioni alla D, riammissioni alla C, processi di primo e secondo grado, feste prima della certezza, nuovi proclami, rovesciamenti di sentenze, esclusione di nuovo dalla C.
      Credo sarebbe stato duro per qualsiasi tifoso. Non solo per noi. E ognuno lo sta vivendo con più rabbia o meni. Con più delusione o meno. Ma il fuoco sotto è vivo. Non si può spegnere. Ci vuole un po' di tempo. Ma non cominciano a decidere chi è più o meno tifoso, chi vogliamo o non vogliamo vicino, perché non di merita di stare lì.
      Forza Forlì, sempre

      Elimina
    3. ho capito giovanni per ò io di quei tifosi che vengono allo stadio con le loro manfrine continue con i loro se i ma ma perchè così ma perchè cosà mi hanno rotto il cazzo ... io no gli vieto di entrare allo stadio ci mancherebbe ma da me alla larga!! ... quando negli anni '70 si era tra i boys in curva si era compatti e granitici e il primo che rompeva il cazzo con le manfrine volava giù a calci nel culo! ... dopo la partita qui sul blog uno si può sfogare e fare le sue considerazioni ma allo stadio ne sento sin troppe di voci fastidiose ... anche trà gli ultrà ... sarò un romantico ma allo stadio si va per sostenere la squadra anche quando stai perdendo anzi di più ... il resto è tutta roba da bar.

      Elimina
    4. "Non credo dobbiamo incominciare a distribuire patenti di chi è biancorosso doc o meno".

      E bravo Giovanni, hai centrato il punto: tutti quei tifosi che hanno iniziato ad insultare ed infamare Rossi all'inizio della scorsa stagione, creando un clima ostile quando invece il Morgagni avrebbe dovuto ribollire di pura passione e sostegno per la squadra in terza serie dopo 30 anni, devono pensarci non una, ma venti volte prima di dire che non sono un vero tifoso perchè mi sono rotto di tutto questo teatrino.

      Io ho 25 anni anni di seguito dato al Forlì alle spalle: certa gente dovrebbe sciacquarsi la bocca prima di giudicare gli altri!

      Elimina
    5. Lo so, lo so Marco...a Forli ce n'è parecchia di questa roba da bar...

      Elimina
    6. oioioi ... bucce di banana a iosa ... nessuno a fatto nomi ma qualcuno ha la coda di paglia! .. :D

      Elimina
    7. Il problema per me NON È MAI STATA LA CATEGORIA ( eravamo in pochi in promozione e lì c'ero) ma il regime. È vergognoso che chi ruba la passi liscia. Questo non mi va giù e non mi andrà giu mai!!! È per questo che mollo.

      Elimina
    8. Non mi riferivo a te Marco, ma a biancorosso che si era rivolto direttamente al sottoscritto, e che all'inizio della scorsa stagione era uno di quelli che pensavano più a fare fuori l'allenatore che a sostenere la squadra appena neopromossa, e quindi in naturale difficoltà iniziale.

      Nessuna coda di paglia, nè bucce di banana.


      P.S.:
      "nessuno a fatto nomi"

      Ha con la H professorone.

      Elimina
    9. scusami tanto filippo se mi sono dimenticato l'acca ... ogni tanto capita anche a dei luminari come me ;D

      Elimina
  13. Vi Capisco Alessandro e Claudio...il vostro sfogo è comprensibilissimo! Io mi chiedo persino chi glielo fa fare ,al Pres Fabbri e i vari soci, di continuare a "buttarci" dei soldi in un calcio che se ne viene fuori con porcate e ingiustizie come quelle che abbiamo subito noi pochi giorni fa!... Però se non mollano loro, non dobbiamo farlo neanche noi! Dobbiamo sostenere il Pres,i soci e la squadra continuando ad andare allo stadio, tifando per la nostra squadra, che sarà si in serie D, ma pulita, sana e sempre rispettosa delle regole e dei principi di lealtà sportiva! E di questo dobbiamo esserne ORGOGLIOSI!! Mi accodo per tanto a Marco, biancorosso e 619gar!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quoto Keeper12...se non mollano loro.....noi siamo "solo" spettatori e tifosi.

      Elimina
  14. Scusate se mi intrometto in questo dibattito ma la passione per questo sport e per il Forlì è sempre viva in me.
    Ho 54 anni e grazie a mio padre, indimenticato presidente del primo club Forza Forlì ho amato questa squadra.
    I miei ricordi risalgono all'era Nonoletto per passare dal fantastico periodo di vulcano Bianchi, gli anni più belli e grande entusiasmo.
    I mitici Boys della curva, le sfide con Carpi, Ancona, Rimini, la promozione in C con Ragonesi capitano allenatore, la C con la promozione in B sfiorata e persa alla penultima giornata.
    Il morgagni sempre pieno , ho visto squadre poi calcare i campi di A e di B , atalanta padova parma reggiana novara carpi modena sassuolo etc etc ma noi sempre li fra C e D.
    Questa è la nostra storia e una cosa ho capito, al di la del fatto che la giustizia non esiste e che viviamo in un paese di merda dove regnano furbi e corrotti, le salvezze, le promozioni, le retrocessioni, si conquistano sul campo, quello che conquisti sul campo nessuna giustizua malata te lo può toglire e in questo il Forlì è mancato purtroppo.
    Al di la di ogni considerazione vincendo il ritorno con il piacenza o altre partite come qualcuno ha detto ora si parlerebbe di altro.
    Quindi forza Forlì, la nostra storia parla per noi.

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto giusto Franco, tranne una cosa: sul campo il Forlì si sarebbe salvato, se gli arbitraggi fossero stati normali.

      Elimina
  15. Su una cosa però mi piace la serie D rispetto a lega pro.....si gioca sempre la domenica e alla stessa ora. ....quindi fanculo al calcio spezzatino altra porcata dovuta e voluta dai cialtroni

    RispondiElimina
  16. Per l'ennesima volta non saremo in grado di soddisfare l'affluenza di tifosi ospiti, quando arriverà il Parma, grazie alla capienza ridicola del Morgagni.
    Saluti Carlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però col Villafranca Veronese o col Martorano non credo ci saranno problemi...:-)

      Elimina
    2. Ma quanti credi che vengano da Parma! Al massimo mille persone nn credere che vengano più di quelli che potevano venire da Ascoli o che sarebbero potuti venire da Pisa se quella partita fosse stata importante per loro o come sarebbero venuti da Ancona se nn ci fosse stata la tessera del tifoso.....e poi le regole sugli ingressi le fa la questura e la società quindi se il Morgagni ha una capienza di 3500 posti si possono dare 1000 biglietti ospiti e saranno cazzi loro.....il problema è che noi non ci mettiamo gli altri 2500 per contrastarli come calore.....

      Elimina
    3. La tifoseria del Parma in trasferta ha numeri risibili...se vengono in 200 è già un esodo.

      Elimina
    4. Appunto io ero stato molto generoso :-)

      Elimina
  17. Sinceramente parlare del numero dei tifosi del Parma che verranno a Forlì mi sembra molto prematuro e non è che me ne frega tanto.Anche perché difficilmente saranno di più di quelli che sono venuti con l'Ascoli quest 'anno.Me ne frega molto di più l'onta di dover giocare immeritatamente (a causa di giustizia corrotta e campionato scorso completamente falsato) con squadrette da parrocchia come Bellaria, Sanmaurese, Martorano e tante altre ! La mia rabbia è ancora uguale al giorno della sentenza di appello e tale rimarrà per sempre !

    RispondiElimina
  18. Non mi sono mai sentito ridicolo fin da ragazzino ad andare a vedere la squadra di calcio della mia città . l'ho sostenuta da allora a dispetto del calcio dei grandi (questo è il mio quarantatreesimo campionato)a dispetto degli amici che vedevano solo la serie A.
    Ho stigmatizzato e patito la lettera al Carlino di un tifoso del Cesena che , una volta usciti dalla serie C, asseriva di non voler più andare a giocare nei pollai quindi Claudio ti prego non chiamare calcio parrocchiale la serie D è ingiusto ed offensivo i loro tifosi in cui mi rispecchio e li stimo profondamente
    In questi giorni si parla di ingiustizia sportiva , concordo pienamente , ma penso anche all'anonimo savonese che ha scritto in questo blog. in tutti gli stadi dove andrà gli verrà detto che cosa è la sua squadra e dove deve andare e non potrà opporre orgoglio calcistico perchè nonostante la sua retorica ipocrita, anche lui sa . noi gireremo a testa alta anche se in serie D lui no non potrà farlo , non vorrei essere al suo posto :)
    Roberto G.


    RispondiElimina

Dì la tua