sabato 8 novembre 2014

E adesso tutti uniti




Vittoria! Primo tempo sontuoso del Forlì, illuminato da un Cejas che è di nuovo principe del centrocampo: sotto la pioggia la sua classe sbriluccica ancora di più. Fantoni segna, Castellani prende applausi, manca poco e scappa l'applauso anche a Rossi. Solita sofferenza però nella ripresa, che neppure il gol di Melandri (le nuove scarpette firmate 'Micio' funzionano) basta a rendere serena. Alla fine il Gubbio sfiora il 2-2. Pazienza, basta e avanza questa vittoria che rilancia il Forlì lontanissimo (+12) dalla retrocessione diretta e fuori (+3) dai playout.

Ora, diciamocelo. Questa squadra in condizioni normali non retrocede mai. Io non so se è stata costruita alla grande da Menegatti, se è merito di Pedroni o se Rossi è diventato il più fine degli psicologi. Francamente mi interessa il giusto anzi pochissimo. Se non viene travolta dall'esterno (soci, dirigenti, tifosi, critica) questa squadra si salva con una gamba. Se siete d'accordo, fate un fischio. Anzi un applauso. Al Forlì.

17 commenti:

  1. L'ho sempre pensato, con un altro allenatore avremmo 3 punyi in più.
    Sono altresi convinto che Menegatti abbia fatto un discreto lavoro.
    Riuscisse a portare a gennaio un centrocampista di spessore e una punta centrale di peso credo che farebbe BINGO !!!!!!

    RispondiElimina
  2. Bellissima serata! Bella la festa dei tifosi, bella vittoria!! Sinceramente credo che la rabbia espressa dai tifosi in questi giorni sia figlia della consapevolezza che questa squadra puó salvarsi con un filo di gas se non di piú e vederla faticare piú del dovuto contro compagini mediocri, ha portato la gente a perdere la pazienza! Ma il calcio é anche questo...quindi ora forza e coraggio ragazzi che ad Ascoli è guerra!

    RispondiElimina
  3. io sono e resto della mia idea,squadra buona da mezzo in su,con più accortezza,e stasera non voglio dire di più....

    RispondiElimina
  4. Credo che Matteo, come al solito, abbia centrato in pieno il discorso. Il nervosismo che viene fuori domenica dopo domenica é proprio xche la squadra costruita da menegatti sia da oltre metà classifica. Proprio x questo ci si incazza a vederla lottare e soffrire con squadre nettamente inferiori.

    RispondiElimina
  5. Squadra concretizza meno di quanto crea. Sul 2-0 e pochissimi rischi subiti si è sfiorato il 3-0 gol mangiato gol subito e la solita sofferenza anche se più moderata del solito
    Ma oggi il Forlì ha giocato con grande intelligenza anzichè "spomparsi" nel primo tempo ha dosato le energie andando in vantaggio e continuando a giocare. Anche dopo il gol subito del 2-1 è rimasta compatta e a parte qualche mischia non ha perso la testa.
    Bravi.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Purtroppo la sinfonia è sempre la stessa: ogni qualvolta andiamo in vantaggio, subiamo troppo la pressione avversaria arretrando il baricentro fin quasi alla nostra trequarti campo. Anche oggi abbiamo rischiato di pareggiare una partita già vinta perchè il nostro centrocampo, quando viene pressato alto dagli avversari, fatica a tenere palla ed a fare ripartire l'azione in modo fluido ed ordinato.
    Il filtro è debole, il Gubbio arrivava con pochi e rapidi tocchi al limite della nostra area.

    I numeri dicono questo: comunque vadano le gare di domani siamo a 5 punti dalla terza in classifica, e soltanto 4 squadre hanno segnato più di noi; 14 reti in 12 gare non sono poche, quindi abbiamo un attacco che traina. Il problema è che subiamo troppe reti, ma non per colpa dei nostri difensori o del portiere che anche oggi è risultato decisivo: prendiamo troppi gol perchè il nostro centrocampo non protegge a sufficienza la difesa, e perde troppi palloni facilmente.

    Per fortuna che abbiamo Micio ed Emilio Benito, credo che per salvarci avremo bisogno di parecchi loro gol.

    La mia disamina per qualcuno sarà forse troppo severa: ma io giudico la prestazione e non il risultato. La gara col Tuttocuoio per me aveva mostrato un grande Forlì, pur nella sconfitta immeritata. Il secondo tempo di oggi mi è piaciuto meno rispetto a quello giocato a Pontedera.

    RispondiElimina
  8. La squadra può e deve dare di più, ma ieri ha giocato una delle migliori partite, con un grande Melandri, un ottimo Cejas e comunque dimostrando maggiore equilibrio, secondo me anche grazie al modulo con i 4 dietro, il modulo migliore per il Forlì perché ci consente di farci schiacciare meno quando gli avversari pressano, oltre ad essere piu' adatto per un signor difensore come Guidi. Abbiamo sicuramente sofferto meno di altre volte, a parte l'ultimo quarto d'ora; in questa sofferenza oltre tutto ha inciso non poco l'assenza di Hamlili, uomo chiave del centrocampo che speriamo di non avere perso per troppo tempo. Ora tutti uniti e lasciamo perdere per un po' le ultime spiagge: questa squadra può e deve salvarsi, anche con il sig. Rossi. Calma e sangue freddo e sempre Forza Forlì!

    RispondiElimina
  9. stavolta non sono d'accordo con Riccardo.
    Non credo cha la nostra squadra possa salvarsi con una gamba sola.
    Se miglioriamo tenuta fisica e atteggiamento mentale facciamo una gran passo in avanti.
    Ogni partita è una battaglia ! una guerra ! e dura 95 minuti !!!
    Testa bassa e lavorare !!!!!!

    Inspiegabile che fino ad ora a Fantoni siano stati preferiti Turi, Casini , ma lasciamo perdere ………

    Riccardo ha scritto sul carlino della frattura della clavicola per Hamlili. Pessima, pessimissima, notizia !!!!!!!
    Tempi di recupero ??? 2 mesi ??
    il Dijuric di oggi è impresentabile, speriamo in Pettarin.

    Facciamo fruttare la settimana entrante di serenità e portiamo via 1 punto da ascoli. C'è equilibrio !! tutto è possibile (vedi lucchese che fa 0-0 a pisa), però dobbiamo essere coscienti che ogni partita è una battaglia che dura 95 minuti.
    carica ragazzi !!!!!!!
    FORZA FORLI' !!!!!!

    p.s.: MicioMelandri monumentale !!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Fantoni hai ragione: è davvero inspiegabile che non abbia mai giocato finora, con la mediocrità che abbiamo a centrcampo.

      Elimina
  10. questa squadra deve giocare obbligatoriamente a 4,le migliori cose le abbiam viste far con questo modulo.senza Amli,li nel mezzo sarà durissima,se la sua assenza si protra per qualche mese,e purtroppo sembra propio cosi,la società deve pensare a qualche ottimo svincolato,ce ne di ottimi a "giro"e non credo pretendano una fortuna

    RispondiElimina
  11. Una bella partita anche se sempre si soffre ma anche questo fa parte della bellezza di essere tifosi del Forlì!!! A proposito di tifosi ieri mi sono seduto in tribuna anziché la gradinata e devo dire che i ragazzi sulla gradinata meritano un 10 e lode bellissime tutte le bandiere cori sempre potenti che bello!!! Riguardo alla partita questa volta posso togliermi il cappello davanti ad alcune giocate del GORDO! e anche se lo chiamo così è legge voglio che capisca quanto è importante la sua esperienza e tecnica per i biancorossi! Spero in una breve degenza per Hamlili la sua mancanza si nota in certe situazioni...per il resto bravi a tutti e in particolare al Micio e a Fantoni! Una piccola sbavatura per Docente sul 2-0 capisco la sua voglia di bomber di fare gol ma poteva scaricare al centro....però faccio fatica a criticarlo conoscendo il ragazzo è il suo attaccamento alla maglia!!! Forza FURLÈ!!!

    RispondiElimina
  12. Ma quale salvezza con una gamba sola...mi sembra alquanto prematuro affermarlo...dobbiamo solo incontrare Ascoli, Spal, Pontedera e L' Aquila nelle prossime quattro...senza Hamlili...qui ci vogliono tutte e due le gambe, magari anche la terza...

    RispondiElimina
  13. Non credo neppure io ad una salvezza facile, non con questo atteggiamento 'barricadero' dopo ogni vantaggio ottenuto: men che meno ora che abbiamo perso il nostro migliore centrocampista (Hamlili) per chissà quanto tempo.

    A centrocampo siamo pieni di falle, non smetterò mai di segnalarlo: cerchiamo di limitare i danni fino a gennaio, poi al mercato di riparazione urgono due centrocampisti validi, un interditore ed una mezz'ala di categoria, oppure un esterno dal dribbling facile. Se si trovasse qualche svincolato in modo da sopperire fin da ora all'assenza di Hamlili sarebbe ancora meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per cappellini che risponde perfettamente a ciò che dici, quanto manca?

      Elimina
  14. P.S. intanto il Cesena è penultimo e inizia a dare soddisfazioni ai 'gufi' come me :-)
    Forza Chievo, Empoli, Sassuolo ecc.... dai dai, che tra due annetti ci può scappare il derby!

    RispondiElimina

Dì la tua