domenica 2 marzo 2014

Il cielo è Grigio sopra Forlì



L'Alessandria ha vinto meritatamente al Morgagni. Primo tempo del Forlì inguardabile con Fantini e Barbagli, ma anche Tonti e Ferrini, in confusione. Nella ripresa con l'uomo in più regalato dall'arbitro Caso (che avesse l'espulsione facile si sapeva) i biancorossi ci hanno provato ma sempre nello stesso modo: tre dentro l'area e palla scodellata su Bernacci. Un po' pochino, considerando la superiorità numerica e l'Alessandria rintanata nei propri ultimi venti metri. Fasce inesistenti (ricordate un cross dal fondo?) e poi nel finale non ho capito perché è entrato Djuric se il suo compito era di stare in mezzo tra Cejas ed Evangelisti, tre registi che si passavano dieci volte la palla sulla trequarti prima di buttarla in mezzo alla sperindio. Male male oggi. A fine partita una cinquantina di tifosi ha aspettato fuori dal Morgagni mister Rossi, che si è fermato per spiegare le scelte di oggi. Anche Cejas ha chiesto ai tifosi di stare vicino alla squadra.

Ora per sperare di rientrare nelle otto bisognerà fare tre vittorie nelle prossime quattro contro Vicenza, Bellaria, Spal e Bra. Non è impossibile, ma la permanenza del Forlì nella fascia spareggi - in questo momento siamo più vicini alla retrocessione diretta (+3) che alla salvezza diretta (-4) - comincia a diventare piuttosto lunga. E un motivo ci sarà.

13 commenti:

  1. Anche secondo me. 0 punti con Cuneo e Alessandria. Ne sarebbero bastati 2. Arriveremo al massimo a 48-49. Non sarà sufficiente. E bisogna pensare anche a non farsi prendere dalla sestultima. Almeno gli spareggi.

    RispondiElimina
  2. ognuno ha quel che si merita....purtroppo!

    RispondiElimina
  3. male, malissimo.
    mi ero illuso.
    Mia moglie dice che rossi era elegantissimo ! Peccato che a noi servisse un allenatore e non un modello !!!!!!!
    Non trasmette nulla di nulla alla squadra; né gioco né grinta. Nulla !
    O vinciamo domenica a vicenza oppure è finita.

    rubo un attimo riguardo l'aspetto societario.
    Giravano voci , in tribuna, che un dirigente abbia "nascosto" il fax pervenuto da Adinolfi & C. agli altri soci. Se fosse vero, sarebbe gravissimo !
    Nei panni di un socio che viene tenuto all'oscuro di questo fatto me ne andrei immediatamente !

    RispondiElimina
  4. me ne ero già andato a casa incazzato, deluso, amareggiato.
    peccato non aver sentito cosa ha detto il nostro allenatore .........
    Almeno che ammetta di non essere all'altezza !

    RispondiElimina
  5. C'é una strada molto stretta ma possibile: guardate il calendario del Mantova e il nostro. A patto di vincere almeno 4 partite, pareggiare 3 volte e perdere solo 1 volta...forse è possibile

    RispondiElimina
  6. Non c è solo il Mantova, ora hai davanti anche la torres che è obbiettivamente più forte... Ora la vedo durissima, serve assolutamente vincere a Vicenza, ma messi cosi in campo come facciamo???

    RispondiElimina
  7. Mi piacere capire le scelte tecniche di lasciar fuori Vesi (panchina) e Tonelli (tribuna), qualcuno sa nulla??

    Fanto una curiosità: dal campo come ti è parso il sostegno del pubblico? A me onestamente ha dato l'impressione d' essere stato abbastanza sottotono e ribadisco che mi piacerebbe, e non poco, veder la gradinata interamente trasferita per il finale di stagione!
    Qua si cerca di far la storia e, ora come non mai, urge stringersi attorno alla squadra e remare uniti verso l'impresa!!!

    RispondiElimina
  8. ragazzi qui ci sono un casino di problemi:
    anche io mi sono domandato ( e non solo io) il perchè dell'esclusione di vesi e tonelli!!!
    il perchè della presenza di Fantini che a mio parere la serie c è davvero troppo per lui, ragazzi era al bellaria che stava retrocedendo e quando è andato via si è salvato cosa che non ha fatto il fano squadra che ha scelto dopo bellaria: è stato preso per fare gol invece sono più quelli che fa fare che quelli che fa ( ZERO QUEST'ANNO) quindi bisogna mettere lui in tribuna non tonelli!
    bergamaschi? messo in salamoia? perchè?
    ogni partita decisiva il forlì si caga in mano e la perde quindi andare ai playoff sareebbe inutile!
    dietro fantini e barbagli direi di eclissarli, e ferrini non è nemmeno l'ombra di quello di un tempo!
    sono affranto molto e non ne vedo l'uscita

    RispondiElimina
  9. sono abbonato e sono a posto cosi...comunque vada...io vado allo stadio per divertirmi e rilassarmi e invece...fra arbitraggi idioti e avversari che fanno tutto quello che vogliono in casa nostra beh... me le dormo e mi riposo quelle ore al pomeriggio di domenica... con zero gioco ragazzi tranquilli ci riveiamo al tullo fuori dai professionisti...questo hanno voluto i nostri dirigenti... per quest'anno basta ...grazie comunque

    RispondiElimina
  10. Non so perché,ma mi girano ancora i maroni a mille!!! Zio cane!!!

    RispondiElimina
  11. Sinceramente se l'esclusione di Vesi è incomprensibile, la tribuna di Tonelli, a meno che non ci siano stati problemi fisici dell'ultima ora, è demenziale: l'impressione è che Rossi, già prima di ieri, stesse gestendo malissimo il rapporto con quello che, fino a 4-5 giornate fa, è stato chiaramente il miglior giocatore del Forlì, l'unico che, al di là dei gol segnati e con ben altra incisività rispetto a Nappello, è in grado di saltare l'uomo e creare la superiorità numerica a centrocampo e nella trequarti avversaria. Ieri, visto il secondo tempo, si poteva e si doveva pareggiare, ma resta nel complesso una prestazione penosa per tutte le ragioni che ha sottolineato chi ha già scritto. Ovviamente, non si può e non si deve mollare, anche perché una serie come quella che abbiamo avuto prima delle ultime due sconfitte ci farebbe rientrare in gioco per l’ottavo posto e, comunque, in mancanza d’altro, teniamoci stretti almeno i play out e le eventuali prospettive di ripescaggio. Certo che la prestazione di ieri non autorizza grandi speranze, speriamo che il rientro di Drudi (con l’accantonamento definitivo di Fantini), una formazione più razionale e una prova d’orgoglio riescano a regalarci nuove prospettive già domenica a Vicenza. Inoltre, al di là di tutto, penso che sia ora di cominciare a puntare in attacco decisamente su Bernacci: la prospettiva non mi entusiasma (anche se ieri non mi è dispiaciuto) ma, vista la scarsa incisività della nostra fase offensiva (soprattutto quando siamo noi a dovere fare la partita), la presenza di una punta centrale in grado di spizzare e smistare la palla di testa potrebbe offrirci delle soluzioni in più, come accaduto ieri, a patto che non ci si limiti solo a buttare spioventi da centrocampo. Si può sapere se l’esclusione di Tonelli è effettivamente dovuta a una scelta tecnica?

    RispondiElimina
  12. tonelli aveva problemi fisici!

    RispondiElimina

Dì la tua