martedì 11 giugno 2013

Ciao Cap



166 presenze, 35 gol, due presidenti, tre allenatori, tre campionati vinti, due quarti e un (l'ultimo) decimo posto. Marco Sozzi lascia il Forlì. L'ha annunciato lunedì a Cangini e Bardi, andrà probabilmente a divertirsi con i vecchi amici del Real Dovadola promosso quest'anno in Prima Categoria. Al Forlì resta un vuoto ingombrante: dopo Kalle e Marco, il prossimo capitano avrà un certo peso sulle spalle.  

La sua lettera, per voi. 

Difficile trovare parole per definire le emozioni che abbiamo condiviso in questi anni, difficile pensare ad una domenica lontano da quel prato, difficile non indossare mai più quella maglia, difficile non poter più alzare gli occhi all'uscita del tunnel per ammirare gli spalti, difficile non portar più quella fascia al braccio, difficile non far più il vialetto ogni giorno, difficile stare senza di te, che mi hai dato la forza per lottare ogni giorno, la gioia immensa da trasmettere agli altri, la passione sfrenata da vero tifoso, la grinta da derby per qualsiasi gara, l'identità da forlivese DOC, la voglia di conquistare il mondo, l'orgoglio di essere un galletto, la fortuna di vincere tanto, e realizzare un sogno tanto sperato.
Grazie Forlì.
Grazie tifosi, specialmente Claudio e biso.
Grazie dirigenti, grazie presidenti Linari e Conficconi.
Grazie compagni di oggi e di ieri.
Grazie Bardi, grazie staff tecnico, grazie magazzinieri, massaggiatori, grazie Boattini, grazie Spada, poco acclamati ma da me tanto amati, grazie agli amici Luciano e Patrick poco visibili  ma molto disponibili, grazie Kalle, grazie anche a te Pardo, ai miei capi Arfelli, Biserni e Saltarelli che mi hanno permesso di lavorare comunque.
E infine concedetemelo grazie grazie grazie alla mia famiglia...
a mia mamma, a mio fratello e al mio babbo, il mio primo tifoso, scusami ma devo!
A Sara e mio figlio Alessandro, vi amo siete la mia forza senza di voi tutto questo non era possibile!


"Siamo ai saluti ma, voglio chiarirlo subito, il mio non è un addio. Il mio legame con questa maglia e questa citta' sarà custodito dal tempo"


Il vostro capitano Marco Sozzi

22 commenti:

  1. Noooooooooooo!!!! Questa era l'ultima cosa che avrei voluto sentire... Il Capitano meritava un altro campionato tra i professionisti!!
    Speriamo che la sua decisione sia solo personale. Punto. Anche se... qualcosa non mi torna..... Mah..... Chissà.....
    In bocca al lupo Marco e torna presto sugli spalti del Morgagni!!!

    RispondiElimina
  2. fantini dicci la verità se la sai........

    RispondiElimina
  3. vorrei chiedere a fantini......sai quali giocatori saranno confermati?rispondi grazie.....

    RispondiElimina
  4. Caro Marco mentre leggo la tua lettera mi scendono dei goccioloni come quando lessi quella del saluto di Alberto! E' bellissimo ascoltare questi sentimenti ed è bellissimo che questi sentimenti che ci uniscono siano conosciuti! Abbiamo fumato sigarette dal sapore speciale nell'"Ufficio" dello spogliatoio dei "Senatori" ed io che di quello spogliatoio non mi sono mai sentito estraneo ho imparato ad apprezzare valori importanti che uomini speciali come te, come Mordo, come Martini. E' stato stupendo vivere e condividere le avventure del Nostro Forlì con voi! Ieri (lunedì) ti ho visto sereno assieme a Cangio ed Attilio e questo mi ha fatto un gran piacere. Al di là di qualche incomprensione inevitabile nel vivere quotidiano, mi è piaciuto vedervi insieme in quel modo! Senza chi ha portato avanti l'anima dello spogliatoio i questo modo ora il compito più difficile sarà trovare una guida VERA in uno spogliatoio che ho amato per gente come te! Grazie di tutto: lo sai che ti aspetto!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Ce ne fossero di uomini, prima che giocatore, come te! Sei un esempio di crescita per ogni giovane! Impossibile trovare un altro Capitano come Te! Sei grande Cap! Non ti dimenticherò mai!!!!! Semeraro

    RispondiElimina
  6. Giusto cosi grazie e a presto

    RispondiElimina
  7. Grazie capitano!!!

    RispondiElimina
  8. ciao marco e grazie ancora per la maglia che mi hai regalato anni fa ma grazie sopratutto per quello che hai dato per il forli' sei stato un grande,a presto capitano ciao,gianluca.

    RispondiElimina
  9. mi spiace molto molto molto molto !
    Sarebbe stata importantissima la presenza del Capitano nello spogliatoio, in questo futuro campionato che si preannuncia così difficile.

    Grazie grande Capitano !!!!
    Grazie di tutto !!!!!!

    con la speranza che tu rimanga nel Forlì con un altro ruolo e incarico, Ti ringrazio e Ti invio un grande in bocca al lupo per il tuo futuro e dei tuoi famigliari !

    RispondiElimina
  10. ...e così, oltre alla grave perdita sotto il profilo umano e del gruppo, ci manca anche un altro centrocampista... Ora dovremo comprarne 2: uno forte titolare e un valido rincalzo!!!
    Capitano ripensaci.... potresti completare l'opera riportando il Forlì dopo più di 30 anni nella serie C unica!!!! Dai....

    RispondiElimina
  11. A me questa mi puzza molto! Soprattutto dopo qualche voce sentita al Gandhi la sera scorsa, di una rottura nello spogliatoio a marzo di quest'anno. Mi sembra strano che sozzi lasci il Forlì e' la sua pelle. Secondo me non ce la raccontano giusta. Caro Bardi stavolta qualcosa non quadra. Oltretutto non rimane neanche in società, per scelta sua o che??? Fantini sai niente???
    Cazzo società ma cosa aspettate????
    È Sozzi non uno qualunque!!!!!!!
    Mio figlio sarà molto triste oggi quando lo saprà .....
    Ancora una volta con grande Stile come sempre ti contraddistingue esci da Uomo Vero e Forte, sicuramente parando il culo a qualcuno, meno uomo di te!
    Ma le bugie hanno le gambe corte !

    Grazie Capitano! Per sempre nei nostri cuori !

    RispondiElimina
  12. Quel che so è che lo spogliatoio quest'anno non è stato felice come gli anni passati. Per ora conferme poche: i giovani Vesi, Berga, Sampaolesi. E poi Melandri ed Eva che hanno il contratto. Riguardo Ginestra e Petrascu bisognerà vedere il 18 cosa decidono in Lega: se c'è la media Cangini proverà a piazzarli altrove. Non facile cmq

    RispondiElimina
  13. Ora capisco, e lo sospettavo, il perché del calarone della squadra da Santarcangelo in poi... Via le eventuali mele marce e ricompattiamo subito il gruppo!! Che intanto ha perso un pezzo assai pregiato...

    RispondiElimina
  14. Be dai non esageriamo!! Se parliamo di cuore e grinta ok era il numero 1 ma se parliamo di calcio allora non abbiamo perso molto a livello tecnico!! Naturalmente bisogna dire grazie per tutto quello che ha dato e fatto!!

    RispondiElimina
  15. Grazie Cap e arrivederci magari in altri ambiti...

    RispondiElimina
  16. 166 volte GRAZIE e in bocca al lupo x il tuo futuro. GRAZIE CAPITANO. ANDREA club Calderoni

    RispondiElimina
  17. Cazzo ho perso l'unico giocatore che tifava come me Fiorentina nel Forlì...e adesso dove lo trovo un'altro. Comunque io penso che al di fuori di fantasia varie, ad una certa età ti giunge una voce dentro di te che ti dice di lasciare. Sozzi e Kalle sono usciti benissimo da Forlì e questo ce lo ricorderemo sempre. Grazie Marco e in bocca al lupo per il tuo futuro. Alessandro.

    RispondiElimina
  18. Sozzi è stato è e sarà sempre il Forlì. La sua uscita nobile ancora più del suo calcio giocato, fatto di sudore, lacrime e sangue, riesce a fare ombra addirittura alla bandiera per antonomasia del Forlì Alberto Calderoni. Sì, perchè Marco il Forlì ce l'ha dentro, lo si vede dagli occhi, vivi e spiritati, ma dai quali traspare il colore della pelle, bianco rossi a strisce appunto. E, anche se meno elegante del suo predecessore, Sozzi possiede la virtù della forza, dell'irruenza, oltre che lo stesso amore senza condizioni per una maglia a lungo sognata e infine onorata al 200%. Non per niente sono 3 i campionati vinti dal giocatore che non sarà mai un EX.
    La prossima stagione rappresenta un bivio fondamentale per la dirigenza del Forlì: si può scegliere il professionismo o decidere di sparire nei meandri di un dilettantismo che non farebbe onore a nessuno, città, pubblico e società stessa e che deprezzerebbe tutto quello di eccezionale costruito fino ad oggi. La grinta, la capacità di fare spogliatoio e di esaltare l'esperienza e la voglia di lottare senza farlo pesare agli altri, soprattutto ai più giovani, è una dote rara nel calcio. Sarà un'impresa davvero dura per Cangini e soci riuscire a ritrovare tale spirito nei prossimi giocatori che scenderanno al "Morgagni".
    Marco non lo saluto, perchè so che lo rivedrò presto, al vialetto, in tribuna, davanti agli spogliatoi, perchè anche lui ha la stessa malattia di chi aspetta la Domenica per gridare Ale Furlè e che prima di dormire prega di potere continuare a sognare un Paradiso con lo sfondo biancorosso.
    Claudio Bulgarelli

    RispondiElimina
  19. fausto tomasini13 giugno 2013 11:57

    aggiungere altro ai tanti commenti non è facile, io credo che in questi momenti vadano lasciate fuori polemiche e insinuazioni varie, l'unica cosa da fare è rendere onore ad un grande uomo prima che un gran calciatore, dicendogli GRAZIE MARCO PER TUTTO QUELLO CHE HAI FATTO E DATO PER QUESTA MAGLIA; CIAO MARCO.

    RispondiElimina
  20. Marco ci vediamo allo stadio, la tua, la nostra casa!

    RispondiElimina
  21. Grazie "all'UOMO" che assieme ad altri UOMINI hanno creduto al SOGNO !!!!! Un grazie al calciatore,grazie al capitano,grazie all'amico ! Da domani quando ci incontreremo e ci guarderemo negli occhi, dalla nostra mente passera' tutto il film di questa storia!!!!
    Ciao Marco a presto. Lucio
    UN FORZA FORLI A TUTTI

    RispondiElimina
  22. massimo cortini14 giugno 2013 09:48

    non c'è altro da aggiungere.
    caro Marco, GRAZIE di cuore per tutto quello che hai fatto e hai rappresentato fuori e dentro il campo !

    ciao Capitano, GRAZIE !!!!!!

    RispondiElimina

Dì la tua