domenica 6 dicembre 2015

Il Forlì è stanco?



Finale 2-2 con rammarico da entrambe le parti: il Forlì avrebbe strameritato di vincere, il San Marino ci è andato vicinissimo prendendo il gol del pari a pochi secondi dalla fine su autorete.

Conclusioni, il Parma scappa a +8 (3-2 al Ravenna) e l'Altovicentino ci soffia il secondo posto. Sembriamo stanchini - stessa impressione del secondo tempo di Ravenna - ma forse è solo una questione  di testa, peraltro giustificabile dopo una rincorsa lunghissima e faticosissima. Però mancano ancora 180 minuti al Natale e buttare tutto adesso sarebbe un peccato.

21 commenti:

  1. la risposta secondo me è nel tuo articolo ... è una piccola flessione mentale ... anche oggi non abbiamo concretizzato l'enorme mole di gioco espresso e come hai detto tu strameritavamo di vincere ma la lunga rincorsa per il secondo posto ... momentaneamente perso ... può aver prodotto un certo logorio psico-fisico ... nelle ultime partite mi è sembrato anche di vedere un nocciolini abbastanza isolato ... personé con tutta la buona volontà non mi sembra una gran spalla e d'apollonia purtroppo è spesso infortunato ... comunque ci può stare un passo falso ogni tanto e l'importante è stato non aver perso continuando la serie positiva ... la maledizione è che anche i mezzi risultati vengono esaltati negativamente dal passo spedito dei formaghiari ... il nostro obbiettivo deve essere il secondo posto ... e lottare per questo mentalmente non è semplice.

    RispondiElimina
  2. Avremmo meritato di vincere, ma anche oggi il problema è il solito, ovvero non si concretizzano tutte le occasioni costruite.

    Il Parma è scappato a +8, consolida il primato a +7 dalla seconda in classifica: il campionato è già finito a primi di dicembre, ancor prima di Natale.

    Buon proseguimento a tutti voi e a chi non molla: il sottoscritto saluta la serie D (a meno di improbabili riavvicinamenti) e aspetta di buon grado la stagione ventura che, ci auguriamo tutti, ci riserverà forse maggiori soddisfazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che mezzo tifoso che sei Filippo..:( io il mio amore l ho seguito anche l anno scorso..nonostante tutto. E comunque oggi ci é andata bene a noi. Mosconi in tenuta estiva...mha!

      Elimina
    2. Ahah ....ii tifosi da risultato.....lo vedono anche a Parma....
      Comunque anche oggi ci è andata di culo come al solito.....da una partita da vincere nettamente dobbiamo ringraziare non aver avuto la beffa di perderla....a Ravenna i bonus erano esauriti da domenica....e via cosi

      Elimina
    3. Ahah ....ii tifosi da risultato.....lo vedono anche a Parma....
      Comunque anche oggi ci è andata di culo come al solito.....da una partita da vincere nettamente dobbiamo ringraziare non aver avuto la beffa di perderla....a Ravenna i bonus erano esauriti da domenica....e via cosi

      Elimina
  3. dai ragazzi !! teniamo duro queste ultime 2 partite poi la sosta ci rigenererà !!!!!!
    FORZA FORLI' !!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Ci manca quel cinismo che contraddistingue una grande squadra.
    Anche oggi si è costruito molto ma non si è concretizzato....ci ha aiutato un po la sorte finalmente.
    Condivido il pensiero di Marco; Nocciolini ultimamente un po isolato, Persone' fa il suo ma non basta, Peluso entra ma non incide.
    Comunque la squadra ci mette impegno, gamba ed esce sempre tra gli applausi.
    Filippo mi dispiace dirtelo ma il tuo intervento mi mette tristezza...allo stadio siamo pochi ma calorosi e orgogliosi di questi colori, noi non molliamo.

    RispondiElimina
  5. Il Forlì potrà anche essere stanco, è vero, ma il peccato originale-bisogna purtroppo ripeterlo-è il girone. Con gli stessi punti oggi saremmo primi in 5 dei nove gironi. In uno saremmo secondi a soli tre punti dal vertice. I tre soli gironi "monstre" sono il B col Piacenza, il C con la coppia Venezia Campodarsego e guarda un po', il nostro. Nel girone del Gubbio avremmo quattro punti sulle seconde.
    Lo so, è un discorso inutile. Ma ogni tanto serve ripeterlo. Perché la squadra sta facendo più di bene. Ed è una meraviglia vederla giocare. Ci si diverte proprio. Ma allora allora allora in quell'estate famosa chissà se puntando i piedi per bene, dopo tutto quello che stavamo ingoiando, qualcosa non si sarebbe potuto ottenere. Va be', acqua passata...però un po' di rabbia rimane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda caso il Piacenza a fatto fuoco e fiamme per rientrare nel girone Lombardo!!!

      Elimina
  6. Ragazzi io tutta questa stanchezza non l'ho vista, a parte il rigore regalato (effetti della categoria) loro hanno dato un tiro in porta. Noi abbiamo avuto parecchie palle gol, un gol annullato, un incrocio dei pali e una supremazia totale contro una buona squadra. Potevamo perderla, nel calcio succede, ma sarebbe stato un furto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un pò di stanchezza mentale l'ho notata ... comunque condivido.

      Elimina
  7. Dominiamo ma non vinciamo brutto segno. Comunque meglio che le inseguitrici vincano se no il parma gioca troppo in scioltezza e schianta le gambe a tutti e poi arrivare secondo terzo o quarto per me non cambia nulla. O primi o un altro anno di D come è probabile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusami se puntualizzo il tuo intervento ... ma sinceramente è sempre meglio dominare che il contrario e poi può capitare ogni tanto di non vincere ... ultimi 11 partite 7 vittorie e 4 pareggi ... secondo te è un brutto segno??? ... e poi non è assolutamente vero che il piazzamento non conta ... arrivare secondi nei gironi A B C D e cioè quelli a 20 squadre ... hai un altissima probabilità di essere ripescato.

      Elimina
    2. Mi sa che quest'anno non ci siano play off ( almeno così diceva gadda) perché non ci saranno ripescaggi. Quindi chi arriva secondo è solo il primo degli ultimi. Però mi faccio una domanda: in caso di fallimento di alcune società, tipo carrarese, come pensano di fare? Ripescano chi retrocede?? Boh non si capisce nulla. Chi vivrà vedrà. Filippo non ti fa onore quello che hai scritto. Sarà sicuramente lo sfogo momentaneo dovuto alla rabbia e alla frustrazione. Spero di vederti allo stadio presto.

      Elimina
    3. marco righi le ho già sentite queste storie del ripescaggio da anni...in realtà se cacci fuori i soldi sali se no te ne stai lì. Dico che dominare e non vincere è brutto segno perchè è segno che la squadra produce, corre ma non capitalizza come dovrebbe e questo alla lunga la paghi fisicamente e psicologicamente. Voci invece dicono che il Parma non giochi benissimo ma vinca...se poi inizia a giocare pure bene..

      Elimina
    4. i soldi li devi tirare fuori ma come minimo devi arrivare secondo se no col cacchio che ti ripescano ... e non ti preoccupare è mille volte meglio giocare bene e a volte non capitalizzare che il contrario ... anche perché se giochi bene sin dall'inizio come il forli difficilmente cominci a giocare male mentre non è affatto detto che il parma migliori il suo gioco ... e poi scusa nella classifica cannonieri nocciolini e secondo e personé è li vicino ... quindi ... lascia perdere.

      Elimina
  8. Si anche a me alcuni giocatori mi sono sembrati meno intraprendenti, ma comunque meritavamo di vincere per le occasioni create pur contro una squadra tignosa. Secondo me se nel secondo tempo entrava Pelugo in luogo di Persone' con relativo spostamento di Nocciolino al centro forse andavamo meglio.
    L'intervento del professore, la dice lunga sulla tipo di tifoso che è !!! e poi è vero fa tristezza! !!!!

    RispondiElimina
  9. Un tifoso che non viene allo stadio a vedere una squadra che gioca così solo perchè non è prima in classifica non è un vero tifoso ed è interessato solo al risultato di classifica o di categoria, allora si può accomodare tranquillamente al Manuzzi.
    Saluti Carlo.

    RispondiElimina
  10. Avete ragione, non sono più un 'vero' tifoso del Forlì, se per 'vero tifoso' si intende uno che viene allo stadio sempre e comunque (ma in quest'ultimo caso stiamo parlando di non più di 600 persone, forse anche meno...): la mia passione si era già sopita dieci anni fa dopo la scomparsa della società, poi è risorta con la risalita e le promozioni, fino alla meravigliosa impresa di due anni fa in cui conquistammo la terza serie dopo 30 anni.

    Avevo già scritto in più di un'occasione che non ho mai digerito il modo in cui siamo retrocessi subito dopo la riconquista della terza serie: non siamo riusciti neppure a gustarci il profumo del calcio che conta, il tempo di un saluto e poi di nuovo agli inferi.

    Sono stato un 'vero tifoso' in passato, presente anche in numerose trasferte: ora dopo tanti anni di militanza mi è scesa la catena... sono solamente un appassionato che tifa per la squadra della propria città.

    A chi scrive, come Carlo, che si dovrebbe venire allo stadio perchè il Forlì gioca molto bene, rispondo che è facile giocare bene in un campionato di livello infimo come la serie D: ritmi blandi, difese disattente, larghi spazi a centrocampo per impostare le manovre... molto più difficile esprimere un bel calcio nelle categorie superiori, dove gli avversari non ti lasciano ragionare, pressano a tutto campo e ti mettono in difficoltà ogni istante di gara.
    Io ho visto un calcio di livello nettamente superiore in Lega Pro lo scorso anno, di quanto riscontrato quest'anno: chi la pensa diversamente giudica soltanto la superiorità del Forlì rispetto alle altre squadre di serie D, senza considerare il livello tecnico effettivo del gioco e del campionato.

    E per concludere, sempre rispondendo a Carlo, al Manuzzi non metterò mai piede.

    RispondiElimina

Dì la tua