lunedì 28 dicembre 2015

Il 2015 del Forlì in 11 punti

L'anno numero 96 della storia biancorossa si apre con la vittoria del Forlì a Pisa nel giorno della Befana. E' l'esordio di Vanigli in panchina e di meglio, lui così legato a Livorno, non poteva sognare. Decide un gol di Melandri, seguiranno nove partite senza vittorie e poi inevitabile l'esonero. Salta anche il Dg Pedroni. 




La sera del 9 marzo i soci decidono di affidare la panchina (bollente) ad Aldo Firicano. Prima hanno parlato, tra gli altri, anche con Gadda e Cuttone. Hanno provato a convincere Arrigoni, sono stati vicinissimi a richiamare Rossi. Alla fine arriva l'ex difensore di Cagliari e Fiorentina. Un sanguigno perché la società vuole prima di tutto dare uno scossone allo spogliatoio. Si comincia a Lucca il 14 marzo: 2-0 per i padroni di casa e segna anche l'ex Forte, che sembra proprio fortissimo.





29 marzo, il Forlì batte 2-1 l'Ascoli al Morgagni (doppietta di Docente) e torna a sperare nella salvezza diretta. A fine partita Firicano chiama tutti i giocatori a centrocampo e urla: 'Ci salveremo all'ultima giornata!'. Purtroppo non andrà così.




2 maggio, San Marino e Forlì si giocano quasi tutto nello scontro diretto della penultima. A sorpresa Firicano schiera Cejas, fuori da tempo immemore, e lo mette addirittura sulle tracce di Sensi. Il talento del Cesena spadroneggia, il Forlì finisce sgretolato: 3-1.




Gli spareggi playout sono drammatici. A Piacenza il Forlì domina un tempo e va in vantaggio (Tom Arrigoni con deviazione) ma finisce per perdere 2-1 soprattutto perché Jidayi non la prende mai con lo scatenato Alessandro. Al Morgagni il 30 maggio va in scena la catastrofe: squadra scollata, senza Docente che ha bisticciato con Firicano, una sola grande occasione che Capellini calcia alto e 0-0 finale. Il Forlì, sul campo, torna in serie D. Senza giustificazioni.




18 giugno, il Forlì decide che la figura di Daniele Arrigoni è superflua. L'esperienza in biancorosso dell'ex tecnico del Cesena dura neanche sei mesi, il tempo di rifiutare più volte la panchina e di spostare, da Direttore tecnico, la macchinetta del caffè lontano dallo spogliatoio. Non si ricorda altro.




5 agosto, sono iniziati i processi per il calcioscommesse e il Forlì ha ricevuto rassicurazioni dai massimi vertici federali: sarà riammesso. A Meldola la nuova squadra costruita da Sandro Cangini e allenata da Massimo Gadda sta affrontando il Pesaro in amichevole quando arriva una notizia clamorosa: il Forlì è stato escluso anche dalla serie D per la "sussistenza di posizioni debitorie nei confronti di tesserati, come certificato da dichiarazione della Co.Vi.So.C., nonché per la mancata presentazione della fidejussione". C'è pochissimo di vero e pochi giorni dopo il Forlì sarà riammesso all'Interregionale. Ma in quelle ore il panico raggiunge vette astronomiche.




Il 26 agosto, dopo la sentenza di primo grado che riammette il Forlì alla Lega Pro, ha luogo la festa in piazza Saffi insieme alle ragazze della Fiorini Softball. Ci sono centinaia di tifosi, sale sul palco anche il sindaco Davide Drei.




Il 3 settembre, dopo che la Corte d'Appello aveva riportato in Lega Pro Teramo e Savona sconvolgendo le sentenze di primo grado e condannando di nuovo il Forlì alla D, arriva la mazzata definitiva dal Coni: neppure l'organismo che in teoria dovrebbe controllare 'dall'alto' la correttezza delle singole federazioni se la sente di intervenire. E' finita, il Forlì giocherà in serie D. E dovrà recuperare un mese di partite scendendo in campo ogni tre giorni: peggio, nonostante lo straordinario impegno dell'avvocato Crocetti, non poteva davvero finire.




Il 18 ottobre al Tardini davanti a più di diecimila spettatori il Forlì pareggia 0-0 contro la capolista Parma, che ha Melandri in attacco e durante l'intervallo celebra le sue stagioni gloriose riportando a casa e mostrando ai tifosi le coppe europee appena riacquistate all'asta. Il Forlì gioca una gara brillantissima e gagliarda, sotto la pioggia, resta in 10 a inizio ripresa per una topica dell'arbitro (espulso D'Appolonia) ma ha con Turchetta le occasioni migliori per vincere. Al fischio finale Merelli indirizza un vistoso medio alla curva parmigiana scatenando una mezza rissa.





Al 'Benelli' di Ravenna, 29 novembre, Nocciolini segna il più bel gol del campionato con una fantaspaziale rovesciata su cross al pennello di Adobati. Il derby finisce 1-1 ma il Forlì spreca una mezza dozzina di occasioni clamorose dimostrando tutta la sua superiorità. Nocciolini chiude il girone di andata con 14 reti, il Forlì è a -9 dal Parma che sfiderà il 21 febbraio al Morgagni. L'impresa è ancora possibile?

44 commenti:

  1. non ho mai visto giocare il parma ... ma ho visto giocare il forlì ... quasi tutte le partite sino ad ora ... e se continuerà così sino alla fine io dico che ce la può fare ... tutte le partite devono essere autentiche battaglie ... non si può sbagliare niente ... se dovesse accadere ... entreremo nella leggenda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio che poi ti svegli sudato sfighé! Ahaha

      Elimina
    2. Beh nn è che fino ad ora abbiate espresso un gran gioco in campo dai lo sai anche tu altrimenti nn sareste incazzati con Apolloni o addirittura a volte preoccupati per il campionato

      Elimina
    3. Non avranno espresso un bel gioco in campo però vincono è quello che conta....al contrario nostro loro sono più continui nei risultati perché comunque hanno giocatore che in questa categoria fanno la differenza
      Melandri
      Corapi
      Baraye
      Lauria
      Lucarelli e Cacioli
      Longobarbi(prima dell'infortunio)
      Secondo me con un allenatore tipo Franzini Favarin oppure lo stesso Gadda facevano man bassa di punti

      Elimina
  2. Ma io scherzavo. Solo che sinceramente nessuno é piu preoccupato, forse all'inizio! Ma ora no, ha preso la squadra per mano..e a rovigo penso poi a san marino, contro la sammaurese..sono vittorie e pareggi che ha deciso lui con formazioni particolari ma efficaci. All'inizio avrei potuto darti ragione ed effettivamente ci stava ma col passare del tempo penso si sia ambientato alla D pure lui. Penso davvero che questo girone di ritorno solo noi possiamo perderlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma chi é quel tifoso del forlí che scrive ad minchiam sul sito facebook parma-reggiana.maistatastoria?

      Elimina
    2. Sì ma Parma il prossimo anno fidati non è così facile ci vuole un allenatore esperto di categoria perché ti posso citare i casi di Lecce Benevento Catanzaro Pisa Ascoli (è stata ripescata) Alessandria Bassano poi ancora Juve Stabia tutte squadre con un budget altissimo lo scorso anno si parlava di 5 mln x il Pisa neanche i play off è arrivato tipo Lecce paga e pagavo lo scorso anno 120 milioni l'ingaggio di Moscardelli aveva Miccoli e altri giocatori da serie B è molto dura come categoria forse quasi di più della serie B

      Elimina
    3. stai tranquillo ... questi hanno il culo parato sino a quando non son tornati in serie A.

      Elimina
  3. ... e comunque master tu fai degli articoli sul forlì che sono fantaspaziali e qui volente o nolente si parla solo del parma ...
    se permetti mi sono rotto il cazzo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande marco stai diventando fantaspaziale anche tu vedrai che nel 2016 non potrai farne a meno. Con la zeta calcata, non romagnola: mia moglie che è ligure sta provando ad insegnargli la dizione corretta ma è una battaglia persa

      Elimina
    2. ahahahahah ... mitico chef!! ;-))

      Elimina
    3. L'inflessione dialettale romagnola è micidiale e monta sopra a tutti e tutto, è un carattere dominante della genetica..!
      Un po come faremo col Parma..:)

      Elimina
    4. Riflessione scientifica inattaccabile

      Elimina
  4. Non so da dove derivi il vostro ottimismo "fantaspaziale"ma sinceramente,pur essendo un tifoso con la T (maiuscola) del Forlì, rosicchiare 9 punti al Parma mi sembra "fantascientifico".....! Naturalmente spero tanto di sbagliarmi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro Claudio, questo gruppo è fantaspaziale !!!!!……anche se arriveremo terzi,quarti…..
      E lo ribadisco, TUTTI gli altri che vadano affanculo !!!!!
      FORZA FORLI' !!!!!!!!!!

      Elimina
    2. ooooh! ... queste sono le parole che mi piace sentire!!
      .. e lo ribadisco! ... che TUTTI gli altri vadano a fare in culo!!!

      Elimina
  5. Diciamo che ci stiamo facendo da soli i migliori auspici per il nuovo anno! Poi finché la matematica non mi darà torto io continuo a sperare nel massimo dei risultati. ...poi vedremo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto Matteo,la penso come te....questo gruppo può regalarci un sogno e in ogni caso continuassero a giocare dando il massimo nulla potremmo rimproverargli.

      Elimina
  6. Risposte
    1. No Matteo...sarà che vedo mia moglie sempre attaccata al cell. e non ho mai pensato a creare un profilo Facebook.

      Elimina
  7. Ci saranno 6 ripescaggi 3 dalle retrocesse in lega pro e tre dai play off della d. Il regolamento parla di seconda contro quinta e terza contro quarta di ogni girone . Gara secca in casa della meglio piazzata in campionato con supplementare in caso di pareggio che se permane fa passare la meglio piazzata. Poi finale di girone tra le vincenti. Le vincenti del play off di girone saranno quindi nove e da qui scatta la graduatoria dove sicuramente saremmo tra le tre... Ergo CAZZO spacchiamo tutto. E poi vaffanc a tutti...

    RispondiElimina
  8. Buone notizie anche per gli amici parmigian formaggiari . Se vi trombiamo durante il campionato vincerete il play off

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzo Gianluca....sei il nostro Fato benevolo!

      Elimina
    2. Pensa a trombare la moglie va..che noi l'anno prossimo ci saremo per meriti sportivi. Voi aprirete la bocca e tac, ripescati:) forse...a questo punto credo che l altovicentino compri anche Gesú bambino..

      Elimina
    3. formaggiaro infame e codardo!! ... per te stasera solo razione di carote ... coniglio!!!

      Elimina
    4. Sei proprio un infame!...di cosa pensi non ce ne frega un cazzo, l'Altovicentino compri chi vuole, noi l'asfaltiamo!

      Elimina
    5. Come all andata!! Ahahah auguri..bevete stasera!;) vi saluto dai monti! C piace guardarvi dall alto;)

      Elimina
    6. Rimani testa quadra:) buon anno!!! Anche se ci offendiamo amorevolmente, vi auguro 2016 pieno di soddisfazioni sportive..dietro noi eh! Ma ve le auguro..:)

      Elimina
  9. Ecco la mia opinione; questo gruppo e questo allenatore anche solo per quello fatto fin qui meritano un elogio enorme. Con tutto cio' che è successo dalla retrocessione ad oggi esserci e con questa classifica e prospettive è molto di piu' di quanto si potesse sperare. Ora avanti senza paura, coltiviamo il ns sogno di ritorno in lega pro ma consapevoli di stare assistendo gia' ad un piccolo ma bellissimo miracolo sportivo

    RispondiElimina
  10. Scusate raga, qualcuno sa di variazioni al Calendario.
    Ho cercato ma non trovo conferme, devo gestirmi al meglio per quanto possibile con i turni al lavoro....Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. andrea se vai sul portale del forlì c'è il calendario esatto delle prossime partite.

      Elimina
  11. Intervista a gravina " torneremo a cchiamarci serie C e torneremo a 60 squadre"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io nn voglio fare il gufo ma..questo gravina va contro cio che dice Tavecchio. Penso che si, tavecchio sia un parolaio e nulla piú..ma disse al tempo che il format andava ristrutturato diminunedo societá, non riaggiungendo. In sostanza penso che la lega pro abbia ben altri problemi (economici) rispetto al cambio del nome o cazzate simili.

      Elimina
    2. Se davvero farà queste riforme, tanto di cappello. Il nome 'Lega Pro' è totalmente anonimo e privo di significato, molto meglio chiamarsi chiaramente 'serie C' come un tempo.

      Tornare a 60 squadre sarebbe ottimo, però bisogna vedere se ai piani alti glie lo lasceranno fare...

      Elimina
  12. Bisogna cogliere questa occasione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. anche perchè alla fine di questa stagione la serie C avrà parecchie defezioni ... quindi i posti saranno più di 6.

      Elimina
  13. Le premesse diciamo che sono buone. Ora però serve un grande girone di ritorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il che non è così semplice avendo fatto un girone di andata strepitoso ... il nostro mister dovrà fare una magia avendo fuori tra recupero riabilitazione e forma fisica il nostro marziano "fatal turchetta" ... non so sono curioso di vedere e capire cosa "strolgherà" ... di sicuro c'è la compattezza del gruppo e la voglia di spaccare tutto ... ma come ha detto il coach ... sarà un girone di ritorno durissimo ....
      MA NOI SIAMO GENTE CHE NON MOLLA MAI!

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Dì la tua