mercoledì 10 giugno 2015

Chi cade dal pero



Cinque persone indagate nell'ambito dell'inchiesta sul calcioscommesse per la penultima di campionato tra Teramo-Savona, finita 2-0 (qui la notizia). Perquisizioni e avvisi di garanzia disposti dalla Procura di Catanzaro per presidente e ds del Teramo, ex allenatore del Savona Ninni Corda, il giocatore del San Paolo Padova Matteini e altri allegri rabazzieri.



Secondo gli investigatori il Teramo avrebbe incaricato l'ex diesse dell'Aquila Di Nicola di 'aggiustare' il match a favore degli abruzzesi, che coi tre punti avrebbero festeggiato la promozione in B, fissando il prezzo della combine in 30mila euro.

Le indagini faranno luce sulla vicenda, di sicuro il finale di campionato, come ampiamente raccontato almeno qui sul blog, è stato clamorosamente falsato. Il Forlì continua a restarne fuori. Come direbbe Allegri: fiuuuuuu. E se va avanti così altroché ripescaggio: saremo riammessi di diritto in Lega Pro senza dover scucire nemmeno un euro.

ULTIME Indagato Lotito, perquisiti casa sua e la sede della Figc. Disposte perquisizioni anche per Tavecchio e il nostro amico Macalli. Il più pulito ha la lebbra. In queste ore crolla il sistema calcio Italia e il Forlì sta coraggiosamente ormai da mesi all'opposizione. Siamo al posto giusto nel momento giusto. Non resta che aspettare, seduti in riva al fosso. Ne vedremo passare parecchi. Era ora.

47 commenti:

  1. Allora la nostra squadra purtroppo sarebbe retrocessa anche in un campionato regolare( mi piange il cuore dirlo ma avevamo gross limiti) ma quello che sta venendo fuori dalle indagini è un campionato totalmente falsato! Che schifo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rispetto il tuo punto di vista ma credo un pò esagerato dato che a fine campionato nelle posizioni per non retrocedere eravamo sette squadre in tre punti ... tutte queste squadre (a parte due/tre) superiori al forlì durante il campionato non le ho viste ... anzi ho visto parecchie sviste arbitrali nei momenti topici che ci hanno penalizzato non poco ... per non parlare del mondezzaio che poi è emerso.

      Elimina
    2. Ciao caro Marco, si in lotta eravamo molte squadre ma come abbiamo visto tutti gli scontri diretti li abbiamo toppati! Sono peró del tuo parere quando dici che abbiamo subito torti arbitrali incredili (vedi, Aquila, Savona, Prato ecc)

      Elimina
    3. In un campionato regolare il Forlì NON sarebbe retrocesso. E per affermarlo mi basta parlare solo di arbitraggi, senza scomodare le combine.

      Elimina
  2. Pretendiamo la lega pro a questo punto.

    RispondiElimina
  3. ero già più che convinto che il prossimo anno avremmo partecipato alla lega-pro ... ora non ho più dubbi

    credo e dico credo (non si sa mai) ... che il forlì sia una delle pochissime (e penso proprio pochissime) squadre non coinvolte in questo mondezzaio ... oltre a riconsegnarci la lega-pro dovrebbero darci anche note di benemerito!

    RispondiElimina
  4. LA LEGA PRO È NOSTRA E NESSUNO CE LA TOGLIERA' ! SCARSI MA ALMENO PULITI !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Claudio, neppure scarsi: se avessimo avuto i punti che ci siamo guadagnati sul campo senza sviste arbitrali, ci saremmo salvati.
      E nei Play-Out nonostante la sconfitta, ci siamo dimostrati superiori alla Pro-Piacenza in entrambe le gare.

      Elimina
  5. Non ho ancora letto nulla da nessuna parte riguardo a procedimenti sportivi. Nella conferenza stampa dell'altro giorno il Santarcangelo ha addirittura parlato di un paio di anni per terminare certi processi. Non un paio di mesi. Ad ora non vedo una velocità tale di acquisire elementi che permetta di definire organici entro l'estate. Perché ci sono ancora indagini non sportive in corso. E quindi Palazzi deve per forza aspettare. Sbaglieró ma non ci sono tempi per indagini, processi, accuse, difese, appelli, penalizzazioni. Tutto entro 30 luglio. Ma come? Quindi? O il campionato non inizia o il campionato inizia come se...e poi si penalizza. Ma a babbo morto. Cioè con Forlì in D. Ma mi sbaglio, spero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso anch'io sia così, la bomba è scoppiata tardi, la giustizia sportiva arriverà dopo quella ordinaria e ci saranno solo penalizzazioni per le squadre coinvolte che andrà a beneficio delle altre squadre in categoria in quel campionato, se noi saremo in serie D ci attacchiamo al tram.
      Saluti Carlo.

      Elimina
    2. al di lá del solito catastrofico o realista? carlo ... io penso che con tutta questa corruzione a livello nazionale ma anche internazionale sia nei piani bassi che alti del sistema calcio ... le decisioni a livello disciplinare per chiunque saranno prese in tempi brevi e con soluzioni punitive esemplari (palazzi ha comunicato che userà la mannaia e tutto entro luglio) ... anche perché: "oltre alla crisi economica il sistema sportivo sta vacillando e se non ci si impegna duramente cercando almeno di eliminare la frode presto sarà la fine" ... queste le parole a livello federale.

      Elimina
    3. Ok, tutto vero quello che dici...ma per esempio il Santarcangelo è talmente preoccupato che sta cercando un accordo con Cuttone...

      Elimina
    4. bè intanto il fatto che il santarcangelo abbia paura di perdere cuttone fa capire c'è poca certezza per il proprio futuro ... e poi è la solita modalità per far vedere sia indifferenza che poca paura per ciò che accadrà di qui a poco ... quell'ostentata sicurezza di chi vuol far credere che è tutto sotto controllo ... e comunque senza ancora una sentenza un minimo ci si deve muovere anche a livello organizzativo.

      Elimina
    5. Concordo, il Santarcangelo bluffa e non potrebbe fare altro, 4 calciatori arrestati più il magazziniere...losco è un complimento...starebbe ro programmando la prossima stagione?

      Elimina
    6. Le bombe sono spesso scoppiate a campionato finito (Genoa-Venezia, per dire, o lo scandalo 2004 con Bettarini, Marasco eccetera), e quando si tratta di imputazioni gravi (quelle che prevedono retrocessione in caso di colpevolezza) la giustizia sportiva si muove entro luglio, facendo la minestra con quel che c'è in dispensa, cioè gli atti della magistratura inquirente ordinaria acquisiti fino a quel momento. Quindi sì, il Santarcangelo bluffa e ha la camicia inzuppata di sudore freddo ;-)

      Elimina
  6. grandissimo riccardo per l'ultimo trafiletto aggiunto alla testata di questo argomento!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sbaglierò, ma sono ottimista

      Elimina
    2. credo sia giusto esserlo ... un minimo di credibilità al potere giustizialista e ad un futuro più chiaro e onesto bisognerà pur darlo!! ... e che diamine!! ... se no chiudiamo bottega andiamo a pascolar le pecore!

      Elimina
  7. Ma poi come al solito cadrà tutto in prescrizione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prescrizione????...e allora che giustizia é. ..piuttosto qua il problema che spaventa tutti e credo di non sbagliare é la questione tempi....(sentenza Bettola a playout in corso!...In corso cazzo!, a Martorano in quell'amichevole provammo la squadra per Savona e 4 giorni dopo cambiò tutto! ....

      Elimina
  8. Io non credo che il Forlì abbia chance di riammissione o ripescaggio a causa del calcio scommesse perchè, come qualcuno ha ricordato prima di me, in queste situazioni abitualmente si assegnano punti di penalità oppure si puniscono i singoli personaggi coinvolti con squalifiche o arresti.

    I casi di retrocessione d'ufficio di una società sono rarissimi: posso citare l'esempio della Juventus, però in quel caso non si trattava di calcio scommesse, ma di un direttore generale che dettava le designazioni arbitrali per telefono al designatore arbitrale in persona... mi pare che ci passi una differenza dal giorno alla notte in quanto a gravità dei fatti.

    Credo che le possibilità di ripescaggio del Forlì esistano, ma siano legati ai fallimenti delle società che come sempre accadono in questo periodo estivo.
    Sulle retrocessioni d'ufficio per calcio-scommesse ci credo non poco, ma pochissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del resto, mettetevi nei panni di una società: se accadesse che nel Forlì ha militato il giocatore X che ha venduto due partite all'insaputa di tutta la squadra e della stessa società, a voi parrebbe giusto se il Forlì venisse radiato dalla federazione per una colpa di un proprio singolo giocatore...?

      A me sinceramente no.

      Elimina
    2. Infatti non rischia grosso il Santarcangelo (giocatori) ma Aquila, Teramo e Savona (dirigenti)

      Elimina
    3. Riccardo, siamo sinceri... Te lo vedi il Teramo appena promosso in B con bel gioco e festa grande di mezzo abruzzo, retrocesso d'ufficio in serie D? Io al massimo lo vedo retrocesso di nuovo in Lega Pro...e quindi non entrerebbe nel discorso ripescaggi dalla D alla Lega Pro.

      Su L'Aquila e Savona forse potrebbe succedere qualcosa...ma resto convinto che verranno assegnati solo punti di penalità.

      Elimina
    4. Il Teramo, se sono vere le accuse, va retrocesso. Come il Genoa nel 2005 per Genoa-Venezia. Fattispecie identica, cambia solo la categoria.

      Elimina
    5. Sì, ma anche se il Teramo viene retrocesso dalla B alla Lega Pro, al Forlì non cambia nulla.

      Elimina
    6. Io credo che daranno tanti punti di penalità per il campionato appena concluso da essere 'afflittivi' ovvero produrre un effetto concreto. Per il Teramo sono coinvolti presidente e diesse, il minimo è che resti in lega pro, il giusto chissà. Aquila e Savona pochi dubbi

      Elimina
    7. Il Genoa fu retrocesso al 22esimo e ultimo posto, e di conseguenza retrocesso. E' che la pena va commisurata alla gravità dell'illecito, così dice il codice di giustizia sportiva, che però non associa la pena alla violazione del singolo articolo (a differenza del codice penale che dice quanti anni teorici devi fare di galera se rubi una macchina o fai esplodere il Quirinale). Quindi si va di giurisprudenza. E la questione del Teramo, per come ho capito, è grave più o meno come quella di Preziosi e il Venezia.

      Elimina
  9. Io spero piu in società che saltano perché il marcio che deborda in ogni dove sarà sanzionato a dir bene il prossimo anno. Spero di sbagliarmi ma resto con il pensiero di Dover vincere la serie d.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che hai ragione tu...

      Elimina
    2. Se dobbiamo vincere la serie D stiamo freschi.
      Saluti Carlo.

      Elimina
    3. Sarebbe la prima volta nella storia della società che subito dopo una retrocessione si riuscisse a vincere il campionato.
      Saluti Carlo.

      Elimina
    4. " Sarebbe la prima volta nella storia della società che subito dopo una retrocessione si riuscisse a vincere il campionato "

      Appunto...

      Elimina
  10. Aquila Teramo Savona... Quindi salve san marino Forlì e Gubbio???? Mah... Sperema..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non funziona proprio così: i ripescaggi vengono decisi considerando il complesso delle squadre di Lega Pro anche degli altri gironi, quindi non è che se vengono radiate 3 squadre nello stesso girone, si ripescano altre 3 squadre dallo stesso girone... potrebbero venire riammesse anche società da altri gironi, ed in teoria dovrebbero ripescarle alternate anche dalla serie D.

      Elimina
    2. Il ripescaggio viene fatto sui tre gironi, la riammissione invece è determinata dalla classifica che si viene a creare dopo le eventuali penalizzazioni, quindi se parliamo delle squadre coinvolte nel calcio scommesse ogni girone fa storia a sé

      Elimina
  11. A parte i discorsi sui ripescaggi, io credo che una società forte e determinata non possa stare ad attendere se sarà D o Lega Pro prima di iniziare a pensare alle conferme almeno dei giocatori cardine che potrebbero essere utili sia in una eventuale D da protagonisti, che in Lega Pro: quindi per esempio, inizierei a parlare con Docente, Melandri, Catacchini, Drudi, per confermarli per la prossima stagione...o almeno a sondare la loro disponibilità.

    Altrimenti qua finisce che ci ritroviamo, ripescati o no, col cerino in mano e con l'intera squadra da rifare a fine Luglio...e non mi sembra un gran bel punto di partenza, che sia D o Lega Pro.

    Ci ritroveremmo a dovere strapagare degli scarti di altre squadre. Presidente Fabbri, batta un colpo, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una società piena di contraddizioni.
      Saluti Carlo.

      Elimina
    2. alèèè!! ...poi??? ... qualcos'altro??? ..

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Melandri è stato proposto a mezza lega pro ancora prima della finale di ritorno, docente si era già accusato prima della partita di san marino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Melandri sarà anche stato proposto a mezza Lega Pro prima della finale perchè si sperava di rimanere in Lega Pro e di ricavarci dei soldi con la sua vendita: ma ora che il contratto è nullo, Melandri è libero, quindi non più vendibile...e se il Forlì volesse tenersi una punta da 12 gol a stagione in Lega Pro, che probabilmente spaccherebbe le difese della serie D, dovrebbe quantomeno provare a fargli una proposta congrua.

      Stesso discorso per Docente: al momento non mi risulta abbia firmato per nessun'altra squadra, se qualcuno ha notizie certe al riguardo, le può rendere pubbliche.

      Ma il mio è un discorso più generale che riguarda la costruzione della squadra per il prossimo anno: mi sembra assurdo e autolesionistico attendere il ripescaggio per iniziare a costruire la squadra...poi facciano loro, la baracca è di Fabbri e company.

      Elimina
  14. ma quanti ... true dectives!!! ... :-D

    RispondiElimina
  15. Scusate a parte l'eventuale ripescaggio....sapete dirmi qualche precedente di riammissione, non ne ricordo in nessuna categoria.

    RispondiElimina
  16. Filippo, l'Arezzo in Lega Pro e il Vicenza in serie B sono stati ripescati a campionato quasi iniziato e si sono salvate entrambe! Sono d'accordo con te, quando dici che non ci si può ridurre all'ultimo! Però di sicuro se accade una cosa del genere,i giocatori che vai a prendere non li strapaghi!! Quelli che sono svincolati, pur di non restare a spasso quindi senza stipendio, le pretese le abbassano eccome! Mentre le società che hanno esuberi,li lasciano partite a condizioni estremamente vantaggiose! Ripeto, questo non vuol dire che fanno bene in società a non programmare, ma visto il calderone calcio scommesse e la situazione fallimenti-non iscrizione di altre squadre di sicuro non dipende da Fabbri il decidere quale categoria fare! Anche perché ancora non sono stati nemmeno comunicati i criteri di ripescaggio per la Lega Pro!!!

    RispondiElimina

Dì la tua