sabato 28 febbraio 2015

Niente paura



Lo zero a zero sta bene al Forlì, che muove la classifica in un momento davvero complicato visto l'andazzo e gli infortuni. La prossima sarà una sfida salvezza fondamentale, sabato alle 17 al 'Morgagni' contro il Tuttocuoio. Tifosi del Forlì, è ora di esserci e diventare un fattore.

Per ora bisogna accontentarsi del brodino marchigiano: ho visto solo il primo tempo, equilibrato e sostanzioso. E' mancata la brillantezza di qualche 'vecchio' (Catacchini non mi sembra nel suo periodo migliore, Hamlili in regia è fuori ruolo) mentre i ragazzi hanno dato tutto, in particolare a me è piaciuto Casini che nonostante la qualità appena sufficiente dimostra sempre voglia di incidere, corsa e personalità. Non avendo potuto seguire il secondo tempo faccio fatica ad andare oltre.



Le altre: per ora il risultato più pesante - a parte l'Ascoli a Pisa, che a noi non interessa - è la vittoria della Pro Piacenza a Prato. Partiti da -8, gli emiliani sono a -4 dal Forlì: sarà dura tenerli dietro fino alla fine. Importante anche il 3-1 della Lucchese sull'Aquila con tripletta del nostro ex  Francesco Forte: i rossoneri (34) salutano definitivamente la zona playout. Per evitarla oltre a San Marino, Santarcangelo e Savona, secondo me possiamo puntare Tuttocuoio e Pistoiese.  Qui la classifica provvisoria.

17 commenti:

  1. Buon primo tempo in cui abbiamo tenuto alto il baricentro ed avremmo potuto segnare per primi col pallonetto fallito da Melandri.
    Il secondo tempo è stato equilibrato, ma negli ultimi venti minuti ci siamo fatti schiacciare in difesa cercando di difendere un pareggio che potrebbe rivelarsi inutile.

    Occorre spiegare alla squadra ed al tecnico che i pareggi, anche quelli esterni, non servono a molto se non si vince mai...è da 8 gare che manca la vittoria, se anche le pareggiassimo tutte da qui alla fine faremmo i Play-Out (se va bene).

    L'Ancona si è dimostrata una squadra abbordabile, i 10 punti di differenza tra le due formazioni non si sono visti...questo dimostra ancora di più quanto la classifica in un campionato così livellato sia figlia più della casualità che di altro.

    Castellani ancora nullo: non a caso da quando è entrato al posto di Rosafio, l'Ancona ci ha chiuso in difesa.

    Rosafio ha delle lunghe pause, ma è l'unico che può avere dei guizzi di imprevedibilità come nel primo tempo quando ha avuto una buona opportunità. Pastore ha giocato una discreta gara, pur se fuori ruolo per necessità.

    Complimenti davvero agli ultras del Forlì presenti allo stadio: pochi, ma in certi momenti della gara si sentivano solo i loro cori, come nel finale in cui ha risuonato un coro costante, con la curva marchigiana in silenzio.

    RispondiElimina
  2. Io ragazzi non sono un maniaco dei dati statistici alla Sconcerti, perché credo che il calcio ha anche lati che non possono essere definiti solo da numeri. Che è la cosa più affascinante. Ma un dato statistico salta agli occhi: Rossi ha fatto 18 partite e in queste partite il Forlì ha segnato 20 reti = 1,1111 . Vanigli ha fatto 9 partite ( la metà esatta ) ma la squadra ha segnato in queste nove partite la miseria di 5 gol ( 1 a Pisa, 1 a Carrara, 1 a Pistoia, 1 in casa col Grosseto, 1 a Teramo ) . Media terrificante di 0, 5555
    Non so cosa direbbe Sconcerti...

    RispondiElimina
  3. nel calcio i numeri parlano chiaro ... ma soprattutto quando tutto è finito ... è evidente che si segna molto meno ma si subisce anche un po di meno ... con rossi 28 goal subiti in 18 partite e con vanigli 10 in 9 ... quindi è difficile riuscire a decodificare bene ... di sicuro il girone di ritorno è quasi un altro campionato con il mercato di gennaio ... oltre al fatto che non c'è il fattore sorpresa (dopo il girone di andata) e i punti cominciano a pesare sempre di più ... quindi sperando che non sia troppo tardi urge sputare sangue ... e come dice filippo ... di non accontentarsi e cercando di vincerle tutte ... o almeno il più possibile.

    RispondiElimina
  4. Le statistiche ricordate da Giovanni parlano fin troppo chiaro: il Forlì di Rossi giocava in modo nettamente più offensivo, rischiando di più in difesa, ma segnava molte più reti...e di conseguenza qualche vittoria la portava a casa.

    Con Vanigli subiamo meno gol, giochiamo più guardinghi e di conseguenza le occasioni da rete latitano... ecco perchè mi sorprendo quando sento parlare di problemi difensivi e dei difensori centrali che non sarebbero all'altezza: in realtà, come dicono i numeri, i problemi li abbiamo nella fase offensiva, e non certo per colpa dei nostri attaccanti che ricevono rifornimenti col contagocce...

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Per mera curiosità, mi sono andato a vedere i tre gol di Forte: in tutte e tre le reti il giocatore si è trovato nei piedi delle occasioni limpide, solo davanti alla porta con degli assist perfetti ricevuti dai compagni... a Forlì non ricordo sia mai stato servito con tale precisione e puntualità (eccetto i due gol divorati a Pontedera...).
    Credo che Micio e Docente non siano inferiori a Forte, ma ovviamente ogni punta necessita di un centrocampo che la sostenga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il caso Forte è chiaro di come il Forlì non abbia nel centrocampo nessuna propensione offensiva di supporto alle punte, anzi sono gli attaccanti che devono retrocedere a centrocampo a dare aiuto e a recuperarsi palloni.
      Comunque ieri un brodino mentre gli altri si abbuffano.
      Saluti Carlo.

      Elimina
    2. "un brodino mentre gli altri si abbuffano"...non avrei saputo definirla meglio ;-)

      Il problema è appunto il fatto che ora ci toccherà iniziare a vincere parecchie partite, senza avere neanche la certezza di staccare la quint'ultima piazza: dietro di noi ci sono tutte a ridosso, mentre molte di quelle che erano davanti di pochi punti, ora hanno preso il largo.

      Elimina
    3. Vista la nota faziosità di Filippo sono andato a vedere i gol della Lucchese..definire i 3 gol come
      ''in tutte e tre le reti il giocatore si è trovato nei piedi delle occasioni limpide, solo davanti alla porta con degli assist perfetti ricevuti dai compagni''
      mi sembra molto riduttivo e fazioso, forse lo è solo il 3..nel secondo subisce fallo da rigore e calcia quando è in terra, nel primo scatta in profondità in mezzo a 2 difensori, il terzo è da appoggiare in rete.
      Visto che hai visto le immagini ti sei però dimenticato di dire del palo preso di testa e dell'altra fuga in mezzo a due difensori parata dal portiere...
      ma ormai conosciamo la tua nota faziosità pro Rossi e pro società

      Elimina
    4. Cosa c'entra la mia presunta faziosità pro-Rossi e pro-società (?), col giudizio su Forte?
      E' evidente a tutti che, come ho scritto anche io, Forte è esploso alla Lucchese: ma è altrettanto evidente che al Forlì giocava MALE quando era in campo...una società deve basarsi su ciò che vede sul terreno di gioco per fare le proprie valutazioni, e nel girone di andata Forte non pareva assolutamente il fenomeno che ora è diventato alla Lucchese...tanto più che nessuno qui sul blog ne aveva rimpianto la partenza.
      Facile parlare a posteriori, ma nemmeno tu quando è stato ceduto Forte hai mai scritto un messaggio dicendo che era una mossa sbagliata...lo fai solo ora dopo che ha cominciato a segnare.
      Ci sarà un motivo se alla Lucchese è esploso ed a Forlì era impalpabile, oppure no? E' questo su cui occorre riflettere, e qual è la tua opinione in merito non l'ho sinceramente capito.

      Elimina
  7. la differenza sta comunque nelle gare interne ... al termine del girone di andata eravamo in testa ora siamo ultimi ... mentre in trasferta c'è stato un miglioramento ... si deve tornare a dettar legge in casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà il caso di giocare per vincere anche in trasferta nelle gare che restano, perchè in casa dobbiamo ancora affrontare Ascoli e Pisa...credo sia oggettivamente più semplice vincere alcune trasferte come quella di Gubbio o di San Marino, piuttosto che battere i due squadroni suddetti, nettamente più forti di noi.

      Elimina
    2. è vero ... con l'ascoli sarà ardua mentre col pisa all'ultima si vedrà ... può essere decisiva per entrambe oppure per una o per nessuna ... in casa con tuttocuoio-prato-pontedera-savona bottino pieno e fuori gubbio e san marino ... pure.

      Elimina
  8. Aggiornamenti nefasti dai risultati di oggi: Tuttocuoio e San Marino hanno vinto.

    Il Tuttocuoio ha preso il largo (tra l'altro deve recuperare ancora una partita), mentre con la vittoria del San Marino siamo piombati a -6 dall'ultimo posto...brividi, considerando che abbiamo ancora lo scontro diretto da giocare in trasferta sul Titano.

    Sarà il caso di ricominciare a vincere sul serio ed in fretta, altrimenti anche i Play-Out diventeranno un miraggio: se non vinceremo neppure domenica, chiedo ufficialmente il ritorno di mister Rossi in panchina...prima che sia troppo tardi.

    RispondiElimina
  9. Al Tuttocuoio diamo due palle sabato pomeriggio, il Savona ha perso anche oggi in casa, a San Marino andiamo a vincere...non tutto è perduto...😄

    RispondiElimina

Dì la tua