sabato 11 ottobre 2014

Il tapiro del mese



A metà settimana Docente ha ricevuto il premio quale 'miglior giocatore del mese' di settembre, oggi ha deciso che per ottobre può bastare così: gomitata a inizio ripresa, rosso e arrivederci a novembre. Ha litigato con tutti, IbraBenito: avversari, arbitro, tifosi marchigiani. Vecchie storie? Non so. Di fatto però nel momento più delicato del match, quando l'Ancona era appena passato in vantaggio con Tulli, il Forlì è rimasto in dieci, impotente. Peccato perché nel primo tempo i nostri avevano tenuto in pugno la partita colpendo due legni e sfiorando varie volte il gol. Poi, come spessissimo è accaduto quest'anno, nella ripresa si sono ammosciati. Un minuto dietro l'altro, fino allo 0-2 cui avrebbero potuto far seguito lo 0-3 e anche lo 0-4 se Paponi non avesse deciso di essere ormai un ex calciatore (piuttosto bravo peraltro). Nel finale il proiettile di Catacchini ha reso inutilmente emozionanti gli ultimi dieci minuti, sotto un acquazzone che pareva perfetto per l'eroico gol del pareggio.

Invece niente, il Forlì torna a perdere dopo quattro turni positivi. E se la vittoria sulla Pistoiese di sette giorni fa era stata fortunata, stavolta i biancorossi non avrebbero meritato la sconfitta. Così va il calcio a queste latitudini: l'importante è restare fuori (+1) dalla zona playout.

28 commenti:

  1. se andiamo avanti di questo passo.....come non possiamo entrare con pieno diritto,alle pretendenti dei play-out?

    RispondiElimina
  2. Docente andava sostituito, era nervoso, già ammonito, l'allenatore deve saper gestire anche queste situazioni, ma Rossi non sa fare neanche questo. Abbiamo 9 punti, abbiamo giocato 8 partite di cui 5 giocate in casa. Auguri, la vedo difficile se non cambia qualcosa.

    RispondiElimina
  3. la società deve trovare il coraggio,con grande malincuore,di cambiare qualcosa,magari di farsi qualche " nemico""esterno"poteri forti?

    RispondiElimina
  4. Il calcio è questo, domenica scorsa vinci una partita che non meritavi di portare a casa, mentre oggi il pari ci sarebbe stato stretto ed invece arriva la sconfitta: due legni colpiti nel primo tempo dicono già tutto.

    Rimango però di stucco di fronte ad un atteggiamento come quello di Docente, che nel momento più delicato della gara inizia a diventare isterico e si fa cacciare: non so se la gomitata ci sia stata, dal video su Sportube non si vede, comunque già si era beccato poco prima una ammonizione gratuita per un fallo inutile trattenendo l'avversario per un braccio.

    Forte dovrebbe rendersi conto che deve giocare per la squadra, mentre oggi ha dato l'impressione di considerare il Forlì una sorta di 'passaggio obbligato' in cui tentare di segnare il maggior numero di gol personali possibile anche tirando ripetutamente da 30 metri, in modo da valorizzarsi velocemente ed ottenere un posto in categorie superiori l'anno venturo: non credo che questi atteggiamenti facciano piacere ai suoi compagni di attacco molto più generosi di lui, quali Docente e Melandri.

    Ad occhio questo Forlì mi sembra che stia 'nel mucchio', cioè in tutta quella fascia di squadre che più o meno si equivalgono: in questo campionato equilibrato ci sono le tre corazzate costruite per vincere (Pisa, Ascoli e Spal), mentre il resto del mucchio appunto è più o meno allo stesso livello e sarà quindi la fortuna (o fondoschiena che dirsivoglia) a decidere se una squadra resterà a ridosso delle prime giocandosi i Play-Off, oppure se dovrà sudare fino all'ultimo per evitare i Play-Out.
    Da queste prime partite in ogni modo credo che il Forlì abbia tutte le carte in regola per provare a salvarsi.

    RispondiElimina
  5. continuando con il commento nel post precedente do ragione a biancorosso in pieno era evidente come Docente fosse nervoso dopo i tanti vaffa e un'ammonizione di frustrazione. Purtroppo la squadra non riesce a mantenere la calma nelle situazioni più difficili colpa molto probabilmente dell'allenatore perchè se è vero che in campo ci vanno i giocatori è anche vero che il responsabile della condotta in campo e delle sostituzioni è proprio il mister e Rossi non ha le palle per gestire certe situazioni non ha l'esperienza giusta a mio avviso. E l'insicurezza che trasmette alla squadra è evidente

    RispondiElimina
  6. Quelli di Forte e Docente sono purtroppo due errori molto gravi che a questo livello puoi pagare carissimo. Qui se l'allenatore ha polso si deve fare sentire. Sull' uno a zero per loro, immeritato, la rimettevi in piano. Così è stato troppo difficile. Peccato perché quel primo tempo faceva pensare perfino ad obiettivi diversi in campionato...invece ne abbiamo a malapena cinque dietro. Tutto da rifare. E abbiamo giocato cinque partite su otto in casa. L'altra cosa che vorrei dire è che c'è uno squallido gruppo di pseudotifosi che passano tutta la partita a urlare e bestemmiare solo contro. Appena un giocatore sbaglia, e nessuno nega che Docente lo abbia fatto, lo apostrofano con cattiveria, maleducazione, violenza. Quello che hanno detto a Docente, con tutto che almeno 4 punti su 9 sono i suoi, ha veramente passato il segno. E poi basta un gol ( Catacchini) e dimenticano in 10 secondi il grande squallore che esce dalla loro bocca. Sono la vergogna dello stadio. Perché è ora di dirlo. Ed è anche ora che si rechino piuttosto a una bocciofila. Luogo più adatto per la loro psiche così sovraeccittabile. La squadra va incitata. Punto è basta. I conti li faremo. Ma con il tecnico magari, non con ragazzi che anche oggi hanno dato tutto. Poi c'è chi sbaglia di più e chi di meno. Che è la differenza tra un buon giocatore, un ottimo giocatore e un ...mezzo giocatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo una parte di tifosi forlivesi di vecchia, molto vecchia data, viene allo stadio non per assistere ad uno spettacolo sportivo e tifare per il Forlì, ma perchè nella vita non ha nulla di meglio da fare: quindi per riempire il proprio tempo, altrimenti inutilizzato, questi personaggi usano la loro presenza al Morgagni per 'divertirsi' a inveire contro questo o quel nostro giocatore, oppure contro l'allenatore attuale (salvo poi riprendere ad inveire contro il suo eventuale sostituto, qualora venisse esonerato).

      Si tratta di un problema generato dal fatto che il nostro pubblico è sempre lo stesso da decenni, e non ha subito ricambi generazionali: se infatti personaggi del genere fossero inseriti in un contesto, diciamo così, più 'normale' (tipo quello che si può riscontrare al palafiera ad esempio), verrebbero ripetutamente zittiti e presi di mira dal resto del pubblico che, ragionevolmente, punta ad incitare la propria squadra e non a deprimerla; che può innervosirsi dai vari errori commessi dai propri giocatori, ma si guarda bene dall'infamarli a partita in corso.

      Tutto sommato, però, oggi al Morgagni il pubblico era abbastanza numeroso ed anche la tribuna coperta ha incitato fino alla fine la squadra: cerchiamo di chiudere un occhio di fronte a questa minoranza di 'personaggi' e di vedere il bicchiere mezzo pieno.

      Elimina
  7. Peccato davvero l'unica partita che davvero per ora meritavamo di vincere...però il calcio è anche questo e lo sappiamo tutti.....cmq direi come al solito un Hamlili instancabile poi vorrei dire ma che bel giocatore si sta rivelando Catacchini! Complimenti per il gol! Oggi promuovo pure il GORDO e mi incazzo un po con Emilio Docente.....cazzo va bene la foga agonistica però nn deve uno navigato come lui cedere a queste cose! E un altro neo sto notando : Castellani ma che giocatore è? Inizio ad avere dei dubbi sul ragazzo.....spero mi faccia ricredere presto!!!!

    RispondiElimina
  8. A proposito a inizio campionato avevo riposto tanta fiducia e mi piaceva pure come giocava l'anno scorso Pettarin......ma che ha mandato a fare in culo Rossi che nn gioca più se nn gli ultimi 10 minuti.....cmq a parte tutto se i nostri Galletti leggono questo blog dico bravi a tutti e continuate così perché se giochiamo così è abbiamo margini ancora di migliorare faremo nostre le partite nonostante le varie situazioni di fortuna o sfortuna......ALE FURLÈ!!!!!

    RispondiElimina
  9. Docente non si tocca!!! È un guerriero!!!!

    RispondiElimina
  10. Alessandro se guardi i miei post precedenti capirai che sono un gran estimatore di Docente la mia era solo una nota che un ottimo giocatore navigato come lui nn può incappare in questi errori.....e . nn è la prima volta mi ricordo anno scorso quando vincevamo 2-0 fuori casa......per il resto nn si discute BENITO

    RispondiElimina
  11. ottimo il primo tempo. Ripresa mediocre.
    Grave il rosso che si è "cercato" Docente.
    Chiaramente tardive le sostituzioni di rossi; ma lo sappiamo che dal mister non possiamo ottenere nulla.
    Speriamo di avere pagato il conto con la fortuna rispetto alla vittoria che abbiamo "rubato" sabato scorso !
    Lunedì prossimo trasferta contro il difficile tuttocuoio.
    A Docente daranno 2 giornate di squalifica ??
    carica ragazzi !!!!!!! lunedì bisogna tornare a casa con punti. La zona retrocessione è lì ad un passo !!!

    RispondiElimina
  12. Nessuno discute Docente, sul piano della generosità, dell'impegno del sacrificio, ma quando fa delle cazzate, come capita ad ognuno di noi, e come ha fatto ieri non vedo perché non bisogna dirlo! A volte non capisco come si fa a difendere tutto ciò che non è difendibile. Poi come ho già detto se l'allenatore fosse stato più accorto, tutto ciò non sarebbe successo. Ieri il tifo è encomiabile, ma come l'anno scorso con i fichi secchi non si fanno grandi matrimoni. Ripeto se non si fa niente, con questi uomini e con questo allenatore, io credo che la salvezza sia molto difficile.

    RispondiElimina
  13. Non buttiamoci nello sconforto! La squadra c'è e l'ha dimostrato...non solo ieri...vedi Grosseto, Carrarese. Per il resto peccato x la cazzata di Docente...uomo simbolo di questo Forli che peró NON deve e NON puó cadere in queste sciocchezze. Forse x i cambi mi viene da dire che le punte MIGLIORI erano giá in campo e mettere su prima il Castellani di adesso....mmmm lascia il tempo che trova. Sinceramente dopo ieri non sono arrabbiato ma dispiaciuto perchè meritavamo di piu. Ma il calcio è cosí quindi testa alta e petto in fuori perchè SE GIOCHIAMO COSI ce la possiamo fare al di lá di tutti i nostri difetti! FORZA FORLI'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si possiamo farcela a retrocedere !

      Elimina
    2. Ma no dai che dici!!!! Per ora ho visto tutte le nostre partite e anche alcune di altre squadre....a parte il secondo tempo con la Reggiana che ci hanno dominato onestamente con tutti i nostri problemi e difetti nn siamo mai stati surclassati da nessuno in maniera eclatante.....quindi facciamo quadrato e FORZA FURLÈ!!!!!

      Elimina
    3. Se siamo da retrocessione noi, allora lo sono anche Teramo, Grosseto, Carrarese ed Ancona, tutte squadre con cui abbiamo giocato alla pari (se non meglio).

      Elimina
  14. Lunedì prossimo potrebbe essere la trasferta giusta per fare il primo colpo esterno: il Tuttocuoio non merita certamente quella posizione di classifica, è una squadra che come organico vale i Play-Out.
    Potremmo essere noi ad iniziare a farli scendere un po' dalla scala.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa te !
      alla vigilia del campionato gli esperti della serie C consideravano il tuttocuoio come possibile outsider.
      A oggi la classifica dice questo.
      Speriamo vivamente che tu abbia ragione.

      Elimina
    2. Sinceramente non ho mai letto da nessuna parte queste notizie sul Tuttocuoio, comunque se qualcuno ne ha parlato bene può darsi che sia una squadra rognosa.

      Faccio fatica a pensare che il Forlì debba avere timori reverenziali davanti ad una squadra di un paesotto dell'appennino toscano, Ponte a Egola, che conta 9000 abitanti (meno di Forlimpopoli), ma evidentemente se così è avranno i loro bei soldini da qualche parte.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. per favore basta con misurare i valori delle squadre con il numero di abitanti della città !
      il tuttocuoio è una squadra di categoria, con giocatori di categoria, ben allenata e ben organizzata (come dimostrano in questo inizio di campionato)
      In campo non ci vanno il numero degli abitanti

      Elimina
    5. Lo so bene, infatti è quello che avevo scritto nel mio precedente messaggio: non posso però non essere stupito di come il Tuttocuoio possa vantare una squadra forte in Lega Pro...poi magari saliranno pure in serie B per andare a giocare chissà dove, dato che lo stadio da 10.000 posti obbligatorio per la serie cadetta non l'avranno mai (la capienza dello stadio supererebbe anche il numero degli abitanti del loro paese, cosa mai vista in Italia credo...).

      Elimina
  15. ma non giochiamo a pontedera?

    RispondiElimina
  16. Il Tuttocuoio gioca sul campo di Pontedera....poi basta giudicare sempre quando nn conosciamo le varie realtà....io ero a vedere la partita Tutto cuoio Ascoli finita 0-0 con i padroni di casa che avevano pure sbagliato un rigore e se la corazzata marchigiana avesse preso 3 pere nn si poteva dire nulla.!!! Rimasi molto colpito dal gioco veloce sulle fasce dei toscani e dal loro centrocampista di colore....avevo tutto scritto qua all'epoca! quindi la classifica conferma quello che avevo visto!

    RispondiElimina
  17. La realtà è che il Forlì ha qualche cosa in meno delle altre, finchè riusciamo a giocare a ritmi alti riusciamo a tenere testa e a creare anche occasioni, quando caliamo siamo in balia di chiunque e al primo tiro andiamo sotto.
    Purtroppo le uniche due partite che abbiamo vinto è stato per fortuna, col Teramo e Ancona non meritavamo di perdere ma si sono dimostrate più ciniche a colpire nel momento giusto, i punti si fanno anche così.
    Saluti Carlo.

    RispondiElimina
  18. La partita meglio giocata é coincisa con una sconfitta, che a un certo punto poteva essere una disfatta...il palo loro sullo 0-2 é uno sbaglio clamoroso!
    Per me ci sono stati passi in avanti, però se non consideriamo eurogol o palle ferme non segnano mai. Sullo 0-0 dovevamo andare in vantaggio assolutamente rispetto alla mole di gioco creata. L'occasione di Forte di mettere in porta Melandri grida vendetta, da li guarda caso abbiamo preso gol....
    Adesso bisogna non perdere fuori, altrimenti si fa dura, non dobbiamo assolutamente trovarci con l'acqua alla gola, messi come siamo in panchina sarebbe micidiale.
    A proposito di panchina, ad oggi siamo non corti..cortissimi, e si é visto.

    RispondiElimina
  19. occorre un inversione,abbiamo bisogno di un "condottiero"in campo e bordo campo,Rossi,e questo a me dispiace,è una bravissima persona,ma abbiamo bisogno di altro,abbiamo bisogno di un allenatore,che sappia leggere la partita,nel durante,abbiamo bisogno di un motivatore,abbiamo bisogno che la squadra vada in campo,con compiti ben precisi,ripeto,Io non manderei mai via Rossi,anche perchè odio le società mangia mister,ma credo,mio personalissimo parere,che abbiamo bisogno di altro,puó Rossi essere "l'altro"?io me lo auguro,e il mio auspicio,perchè altrimenti ci troveremmo ben presto invischiati,in posizioni di classifica molto insidiose

    RispondiElimina

Dì la tua