giovedì 29 dicembre 2011

10 propositi per il 2012




1) Trovare un figura con esperienza e spessore alla quale i 38mila soci e dirigenti possano affidare le chiavi (budget, obiettivi) senza interferenze fino alla chiusa della stagione. Senza interferenze. Senza interferenze.







2) Subire 15 gol nelle prossime 19 partite.








3) Investire di più in alcuni ambiti - medico, comunicativo, giovanile tanto per dirne tre - se necessario 'potando' il budget destinato alla prima squadra. E' davvero necessario avere quattro centravanti e sei mediani in serie D?




4) Evitare i processi sommari al mister in particolare a fine partita, in particolare dopo una sconfitta, in particolare in tribuna davanti a 100 persone, in particolare se si ricoprono cariche societarie e/o dirigenziali. E' patetico anzi peggio: dilettantistico.




5) Far esordire in prima squadra qualche ragazzo delle giovanili. Possibile non ce ne siano all'altezza? Mica parliamo di serie A.






6) Far sgobbare Calderoni nelle scuole.








7) Decidere se Balestra serve oppure no, in ogni caso risolvere l'equivoco.






8) Organizzare una conferenza stampa settimanale con mister e un giocatore come fanno le società serie.
E' facilissimo e porta pagine sui giornali oltre ad un pizzico di senso di appartenenza.




9) Rendere sempre più verticistica la piramide societaria. Meno gente decide (o si sente in diritto di elucubrare per i due spicci che versa), meglio è.





10) Pensare in grande, sgobbare duro, non spettegolare, guardare al futuro con fiducia.

6 commenti:

  1. ....eheh..li ho già sentite da qualcuno queste tesi..quoto!

    RispondiElimina
  2. Tutto condivisibile, sul punto 5 ho qualche dubbio che ce ne siano pronti per la d, sarei felice di sbagliare, comunque tutto passa per il rafforzamento della società.
    Ci vuole una leadership chiara e fuori discussione, una testa sola che decide alla fine, purtroppo a Forlì non lo si riesce a capire e, vedi anche il basket, imperano le comari...

    RispondiElimina
  3. daccordissimo nel migliorare nel settore medico,qui serve assolutamente un salto di qualità, vedi come chi di competenza,ha gestito la vicenda dei bubboni.

    RispondiElimina
  4. massimo cortini31 dicembre 2011 15:43

    complimenti Riccardo! Tutto pienamente condivisibile (e speriamo attuabile !).

    Continuo a ripetermi per l'ennesima volta, ma qualora non vincessimo questo campionato sarebbe un fallimento totale e globale su tutti i fronti; quindi spero vivamente che TUTTI si diano una svegliata e che lottino al 120% per raggiungere la vittoria finale (intanto anche ieri incassati 2 gol ..... lo so, lo so, .. contro avversario di categoria superiore, con tanti infortunati, bla,bla, bla, bla ....... ma intanto il vizio persiste).

    Tanti auguri di buon anno 2012 al nostro amato Forlì , a tutti i tifosi del Galletto e a tutti i forlivesi in generale !

    RispondiElimina
  5. Oddio, "società serie"... Forse ho un pochino esagerato mettendo la foto della FulgorLibertas

    RispondiElimina
  6. d'accordo su tutto, serve direttore generale esperto con anni di serie c alle spalle, medico sociale di livello e alberto calderoni team manager.
    a casa la direttrice generale trevi che fa comizi inutili e spara su tutti!
    claus

    RispondiElimina

Dì la tua